NAPOLI – Il Governatore della Regione Campania, Stefano Caldoro, recentemente ha nominato nuovi membri nei CdA delle Adisu di Salerno, de L’Orientale e del Suor Orsola Benincasa, ed i revisori dei conti nell’Adisu Sannio.

Una buona notizia? macchè! Come si legge in una nota dell’UDU Napoli, neanche stavolta Caldoro ha deciso di ricostituire il CdA dell’Adisu Parthenope, sottoposta da un anno ad un commissariamento che ha portato, nei fatti, a un grave peggioramento dei servizi resi agli studenti, con un aumento sconsiderato nei ritardi per l’assegnazione e l’erogazione delle borse di studio.

”E’ evidente – scrive l’UDU – che, all’ormai palese disinteresse della Giunta Regionale per il diritto allo studio e per le questioni studentesche, si aggiunge in questo caso la volontà di non affrontare le gravi problematiche dell’Adisu Parthenope e di rimandare la patata bollente a dopo le elezioni regionali”.

”Trovo assurdo che l’amministrazione regionale in scadenza – dichiara Carlo Palmieri dell’UDU Napoli – piuttosto che dare priorità alle situazioni più critiche, continui ad alimentare solo i propri interessi. È quasi un anno ormai che l’ADISU parthenope – prosegue Palmieri – si trova senza CDA e di conseguenza senza rappresentanti degli studenti. Le prestazioni per questi ultimi continuano ad accumulare ritardi e l’intero ente sembra in un’impasse irrisolvibile al momento”.

Altro tema spinoso riguarda le borse di studio: ”Le graduatorie per le borse di studio 13/14 non esistono, non se ne parla di anticipare almeno la prima parte delle borse 14/15, il diritto allo studio alla Parthenope è completamente negato. Per giunta dopo la decadenza dei revisori dei conti anche questi non sono stati rinnovati. A questo punto la domanda è lecita, ma l’attuale giunta regionale, si è accorta che esiste anche l’Ateneo Parthenope in Campania? Si è accorta di averne commissariato il CDA da quasi un anno? Speriamo che il presidente Caldoro non sia troppo distratto dalla campagna elettorale per la presidenza della regione per fare queste cose” – conclude.

Pasquale De Laurentis
@pasqdelaurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteMaltempo, ancora una voragine sulla strada dei Colli Aminei
Articolo successivoGiornata storica: sì per le unioni civili grazie all’intesa Pd-M5S
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II