STOP BIOCIDIO:”Casalnuovo avrà l’osservatorio ambientale”

0
19

CASALNUOVO – Ottime notizie per gli abitanti di Casalnuovo di Napoli.
Grazie al tavolo sull’emergenza ambientale convocato la scorsa settimana dal sindaco Peluso, su richiesta dei Coordinamento Comitati Fuochi, del Comitato C’avit accis a salut, delle Madri Coraggio, di Libera e dell’Unione degli Studenti, il comune di Casalnuovo avrà il suo osservatorio ambientale.

In data 31 Marzo, infatti, la Giunta Comunale ha accolto con effetto immediato, la richiesta avanzata la scorsa settimana da comitati e associazioni per la modifica dello statuto comunale per l’osservatorio ambientale.
Nel dettaglio ecco gli articoli modificati:

STOP BIOTITOLO I – PRINCIPI FONDAMENTALI
art.9 Ambiente Acqua e Territorio(”e dei suoli e per”)
5.(”Ai fine della adozione degli atti di rispettiva competenza in materia ambientale, gli organi istituzionali dell’Ente e i Dirigenti si avvalgono degli studi e degli accertamenti fatti dall’Osservatorio Ambientale Indipendente”)

TITOLO IV-ISTITUTI DI PARTECIPAZIONE.
Art.42/3(”Sono istituite le consulte dei giovani, degli anziani, della cultura e dell’ambiente, la cui composizione, i criteri di scelta dei membri ed il funzionamento sono stabiliti da apposito regolamento”)

CAPO III – L’Osservatorio Ambientale Indipendente.

Art. 70 – Definizioni e Compiti.
1) L’Osservatorio Ambientale Indipendente è un organo che svolge compiti di studio e approfondimento in materia ambientale, a supporto delle valutazioni e delle iniziative degli altri organi dell’Ente riguardanti le problematiche ambientali e la salute dei cittadini.
2) L’Osservatorio Ambientale Indipendente svolge altresì funzioni di raccordo con le strutture tecniche Regionali e Nazionali deputate per legge a effettuare rilievi e controlli ambientali sul territorio, contribuendo alla comunicazione ai cittadini dei dati e delle informazioni relativi alle problematiche ambientali.
3) L’obbiettivo dell’Osservatorio è la conoscenza, la comprensione la condivisione dei dati tecnici e scientifici riguardanti l’ambiente e il territorio cittadino nella loro accezione più ampia, al fine di accertare e verificare l’impatto atteso sulla salute dei cittadini; per il perseguimento di tale obbiettivo l’Osservatorio svolge le seguenti attività:
Richiede ed esanima i dati derivanti dal sistema di monitoraggio ambientale e sanitario previsto dalla normativa vigente, in collaborazione con gli organismi istituzionali preposti.
Valuta attraverso i dati acquisiti la tipologia, la quantità e le caratteristiche degli inquinanti eventualmente presenti nelle acque, nel suolo e nell’aria del territorio cittadini.
Verifica i risultati dei monitoraggi e richiede, se necessario, eventuali indagini suppletive d’intesa con gli organi dell’Ente.
Offre il proprio supporto agli altri organi dell’Ente ai fini dell’adozione dei provvedimenti di rispettiva competenza, condividendo con gli stessi i dati e le informazioni acquisiti in materia ambientale.

Rende accessibili ai cittadini le informazioni e i dati raccolti in materia ambientale, nel rispetto della normativa vigente, pubblicandoli periodicamente sul sito web dell’Ente unitamente al resoconto della propria attività.
Promuove iniziative pubbliche per sensibilizzare l’opinione pubblica sulle tematiche dell’ambiente e della salute.

Art. 71 – Composizione e funzionamento.
1)L’Osservatorio Ambientale Indipendente è presieduto dal Sindaco o da un suo delegato ed è composto dai seguenti componenti di nomina sindacale:
Un medico di medicina generale che esercita sul territorio cittadino;
Un medico ambientale;
Tre rappresentanti dei comitati cittadini con specifiche competenze ed esperienze in materia ambientale;
Un rappresentante dell’ASL Napoli 2 Nord;
Due esperti con Laurea Magistrale con ampia e documentata esperienza professionale;
Un rappresentante dell’ARPAC.
2) Il Sindaco ha la facoltà di revocare la nomina di qualunque componente in caso di grave inadempienza. I componenti decadono altresì in caso di rinuncia scritta o di sfiducia dell’organizzazione di rappresentanza. Ai fini della revoca è considerata grave inadempienza la assenza per tre riunioni consecutive .
3)La partecipazione all’Osservatorio avviene a titolo gratuito. L’Osservatorio rimane in carica per tutta la consiliatura. La nomina non costituisce instaurazione di un rapporto di servizio, di ufficio o collaborazione con l’Ente istituente.
4)L’Osservatorio si riunisce su convocazione del Sindaco in seduta pubblica presso la Casa Comunale, a meno che non venga diversamente concordato. L’avviso di comunicazione deve essere consegnato almeno cinque giorni prima della riunione (anche avvalendosi della posta certificata pec) salvi i casi di urgenza, nei quali è sufficiente la convocazione anche telefonica 24 ore prima. Altri soggetti, se invitati, possono partecipare alle riunioni ma senza diritto di voto.
5) Le sedute dell’Osservatorio sono validamente costituite se è presente la metà più uno dei componenti. L’Osservatorio valuta i dati esaminati, assume orientamenti ricreando il più possibile il consenso tra i presenti, attraverso la discussione aperta,costruttiva, articolata, da esprimersi nel verbale delle riunioni; solo nel caso ciò non fosse possibile, può prendere decisioni attraverso votazioni (voto favorevole a maggioranza semplice dei presenti); in caso di parità, prevale il voto del Presidente. Per ogni seduta deve essere redatto un verbale da parte di un componente nominato dal presidente. Il verbale va sottoscritto da tutti i presenti.
6) I componenti dell’Osservatorio sono autorizzati all’utilizzo delle informazioni acquisite limitatamente allo svolgimento delle attività necessarie al raggiungimento delle finalità dell’Osservatorio. I membri dell’Osservatorio sono tenuti al dovere di riservatezza e di segretezza sanciti per gli impiegati sta tali di cui al T.U. Imp. Civ. St. e al rispetto della normativa sulla Privacy.

Soddisfazione per Gabriele Aiello, giovane fondatore del movimento C’At accis à Salut che commenta così il risultato:”Abbiamo vinto! Finalmente la manifestazione ha dato risultati positivi oltre a denunce che non dovrebbero neanche esistere! Oggi il movimento di giovani “C’at accis a salut!” – prosegue – ha dimostrato che lotta, rischia, ottiene e vince! Casalnuovo grazie ai comitati e all’interesse dell’amministrazione comunale lavorerà per costruire l’osservatorio ambientale, importantissimo, mancante all’appello da sempre in questo paese stuprato dall’ecomafia e dai silenzi lunghi e ignari di un popolo impaurito! Ora il movimento, insieme al coordinamento comitati fuochi, l’unione degli studenti della provincia di Napoli, Libera e le mamme di padre Maurizio Patriciello lavoreranno fianco a fianco con tecnici esperti e ASL per costruire insieme un grande osservatore ambientale. Rivendichiamo tutte le vittime del biocidio e proteggiamo Casalnuovo, con le unghia e con i denti STOP BIOCIDIO”

Pasquale De Laurentis
@pasqdelaurentis

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteA Pasqua musei gratis per tutti
Articolo successivoL’UDU Caserta torna a sedere in consiglio alla SUN
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO