NAPOLI – Presidio di protesta contro il Ddl Scuola

0
14

NAPOLI – Il ddl sulla Buona Scuola ha cominciato il suo iter parlamentare nella giornata di ieri.
Non si placano, tuttavia, le polemiche. Da un lato, il Ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, intervistato da Repubblica TV, assicura che con il ddl La Buona Scuola si chiude il capitolo drammatico del precariato storico. Dall’altro, proseguono senza soste le proteste dei sindacati e degli studenti.
A Napoli,il Coordinamento Precari Scuola di Napoli ed alcuni rappresentanti dei Cobas Scuola Napoli, nella giornata di ieri hanno organizzato a Largo Berlinguer un presidio di protesta contro il Ddl Scuola.

Marcella Raiola del Coordinamento Precari Scuola di Napoli dal presidio interviene duramente:”Il disegno di legge Renzi distrugge la scuola pubblica italiana.
Fermiamo questo progetto scellerato che mette la scuola nelle mani dei privati.
Gli studenti – prosegue – saranno schedati e i datori di lavoro potranno discriminarli sulla base delle materie che avranno scelto”.
”Noi vogliamo che i ragazzi crescano in serenità e che abbiano anche la possibilità di sbagliare.
No al lavoro minorile legalizzato! Oggi denunciamo il progetto di questo governo che vuole fascistizzare la scuola, mettendo tutto nelle mani dei presidi/padroni che potranno assumere/licenziare su base arbitraria/clientelare”– conclude-.

raiola2Tra i punti maggiormente contestati vi è l’apprendistato, il quale secondo i manifestanti, ”non è altro che lavoro nero legalizzato”.

”E’ un bluff quello delle assunzioni, tutti infatti saranno licenziabili – aggiungono i manifestanti.
Non ci sono risorse per la scuola pubblica, eppure si continua ad investire negli f35” – concludono.

raiola3Dura presa di posizione anche dal sindacato Anief: ”La Giannini, sa bene che i numeri del precariato italiano non si fermano alle GaE (graduatorie ad esaurimento), peraltro tutt’altro che prossime allo svuotamento, come invece era stato detto dal Governo. Oltre ai 37mila precari della scuola dell’infanzia, infatti, ne rimangono fuori almeno altri 7mila appartenenti alle varie classi di concorso, più decine di migliaia di abilitati in seconda fascia d’istituto ed altri 7mila docenti idonei dei concorsi pubblici. Mancano all’appello, inoltre, alcune migliaia di altri aspiranti docenti di religione, i docenti in servizio nelle scuole estere del MaE e alcune centinaia di educatori”.

Pasquale De Laurentis
@pasqdelaurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteL’UdS e C’At Accis a Salut lanciano la fotopetizione di solidarietà per Gabriele e Vincenzo
Articolo successivoFeliz cumple Boca!
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO