La Buona Scuola di Renzi, ad Ostuni crolla il soffitto di una scuola elementare

0
67

Questa mattina ad Ostuni è crollato il soffitto della scuola elementare Pessina durante l’orario scolastico.
Le conseguenze sono: due bambini di 7 anni ed un’insegnante feriti.
Le condizioni dei piccoli sono definite ‘serie’ ma non gravi. L’insegnante, invece, si sarebbe fatta male scivolando mentre cercava di portare soccorso agli scolari.
La scuola, era rimasta chiusa per anni per interventi di ristrutturazione.

“Stavamo incollando delle schede di matematica – ha raccontato Luca, che ha riportato una ferita alla testa che è stata suturata con punti e la frattura del setto nasale – poi è venuto tutto giù il soffitto”.
Luca era seduto al secondo banco: “Il maestro era alla lavagna – racconta – e quando è venuto giù tutto ha fatto uscire tutti i compagni”. “Ho avuto tanta paura – ha aggiunto Luca – ma ora sto molto meglio”.
I bambini hanno prognosi di 10 e 15 giorni. Sono anche stati sottoposti a una tac.
La maestra ha riportato la frattura del malleolo.
Il presidente della Regione Puglia Vendola chiede che ‘i responsabili” siano assicurati alla giustizia’.

Dure le reazioni dalle associazioni studentesche.
L’Unione degli Studenti dichiara: ”La scuola dovrebbe essere un posto sicuro per gli studenti e non una fonte di pericolo. Pretendiamo risposte immediate. Nessuno deve aver paura di andare a scuola, vogliamo che sia un luogo non soggetto ad attacchi esterni in cui sentirsi al sicuro.
L’Uds ,sottolinea come il Governo finora abbia disatteso le promesse:”Chiediamo che le promesse del Governo, anche relative all’operatività dell’Anagrafe dell’edilizia scolastica, nonché le previsioni inserite nel DEF inerenti la possibilità dei Comuni e delle Province di derogare al Patto di Stabilità si concretizzino nel più breve tempo possibile ed in ogni caso – conclude l’Uds risulteranno sufficienti solo se sostanziate dallo stanziamento dei 13 miliardi necessari per intervenire concretamente”.

Anche Alberto Irone, Portavoce Nazionale della Rete degli Studenti attacca il Governo parlando di mancate promesse:”La situazione ad oggi, nonostante i proclami del governi in materia di edilizia scolastica, non è migliorata.
Poi l’affondo di Irone:”Il taglio in extremis di questi 489 milioni denotano la poca serietà con la quale questo governo sta affrontando la profonda crisi che da anni vive la scuola pubblica italiana a partire dall’edilizia scolastica”.

Intanto Il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, ha assicurato che “si sta cercando di vedere e verificare cosa è successo e perché.

Pasquale De Laurentis
@pasqdelaurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteBoxOffice: in testa ancora Fast & Furious 7
Articolo successivoPena di morte: legittimità disumana?
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO