Squadra Mobile: il lato oscuro della polizia.

0
111
Squadra Mobile

Sono passate tre settimane dall’inizio di Squadra Mobile. Non tutti sono stati entusiasti degli esordi di questo spin off.

C’è stata sì l’euforia iniziale, il ricordo dei bei tempi andati, la commozione per personaggi, scene e musiche della fiction dalla quale Squadra Mobile è stata tratta.

Finito l’entusiasmo iniziale però la fiction si è rivelata un po’ lenta nei tempi e fragile nella trama. In realtà però la particolarità di questa fiction è quella di non voler raccontare per forza un mondo ideale, dove la polizia è tutta dalla parte del bene e combatte unita per sconfiggere il nemico.

No, Squadra Mobile racconta quella che potremo definire una storia non vera, ma purtroppo verosimile. Il lato oscuro. Troviamo il poliziotto insicuro che per questa sua insicurezza finisce nei guai fino a rimetterci la vita, quello che per sopravvivere si aiuta con qualche bicchierino durante il servizio, la poliziotta che per tutto il giorno si occupa di difendere le donne dai soprusi e dalle violenze dei propri compagni, ma che quando si trova lei stessa ad essere dalla parte della vittima, non sa come reagire.

E poi c’è il male, il corrotto, il marcio, quello che usa il suo ruolo per avere più soldi e fuggire via. Quello che tenta e tenterà di distruggere la reputazione della parte buona, perchè infondo c’è sempre e comunque una parte buona nella storia.

Questa settimana Squadra Mobile, nonostante i dubbi e le perplessità, è tornata a vincere in termini di ascolti. Lunedì 11 maggio invece, in quella che sarà la puntata spartiacque, entreremo nel profondo della storia.

Nel primo episodio dal titolo “Un ragazzo fragile” la morte di Marcello ha sconvolto l’intera squadra ma la botta peggiore l’ha avuta Roberto che si sente responsabile per la scomparsa del ragazzo e che ora è determinato a capire che cosa sia successo. Nel frattempo Sandro e Giacomo scoprono un giro di prostituzione gestito da cinesi dove vengono schiavizzate ragazzine minorenni. Mentre Isabella e Valeria riescono a salvare Giulia, una donna maltrattata dal marito, che per amore della figlia trova il coraggio di denunciarlo. Anche per Isa, però, paladina delle donne maltrattate, i veri guai cominciano ora: sul suo pc arriva infatti un’intimazione a smetterla proveniente da un mittente anonimo ma molto minaccioso.

Mentre il secondo episodio di Squadra Mobile dal titolo “Uno strano incidente” Ardenzi, in seguito all’avviso di garanzia, si presenta di fronte al giudice con il suo avvocato e scopre di essere indagato per istigazione al suicidio: è stata la testimonianza di Sabatini a metterlo nei guai e tra i due amici cominciano le incomprensioni. D’altra parte la squadra fatica non poco a riprendersi dalla morte di Marcello e dentro al commissariato cominciano le prime approfondite indagini per chiarire la dinamica dei fatti. Sullo sfondo continuano i casi verticali: Valeria e Riccardo complici su un caso di omicidio finiscono per fare l’amore durante il lavoro, mentre Isabella viene nuovamente raggiunta dal fidanzato Giulio che sembra non avere buone intenzioni.

Appuntamento dunque con Squadra Mobile, Lunedì 11 maggio. Canale 5. Ore 21.10.

Enrica Leone

CONDIVIDI
Articolo precedenteNapoli-Milan e le regole del gioco
Articolo successivo5 maggio 1979: un corteo contro le molestie.
Mi chiamo Enrica Leone, sono nata a Lecco. Diplomata con maturità scientifica, ho intrapreso la carriera universitaria presso la facoltà di Giurisprudenza. Entusiasmo, iniziativa e dinamismo mi hanno da sempre spinto ad andare avanti nel lavoro così come nello studio. Adoro scrivere e questa passione mi ha portata ad intraprendere avventure di ogni genere per poter portare a casa interviste ed acquisire il giusto grado di esperienza, per rendere i miei articoli ancora più miei. Una passione che mi ha portata a pubblicare pochi mesi fa il mio primo romanzo: Basta avere coraggio, presso la casa editrice Arduino Sacco Editore. Non smetto mai di rincorrere i miei sogni ed il più delle volte questi diventano i miei obiettivi che cerco in tutti i modo di raggiungere. Alla scrittura, da poco tempo ho affiancato il lavoro di organizzatrice di eventi di beneficenza ed assistenza alla comunicazione. Mi piace il contatto con il pubblico. A detta di chi collabora con me, sono una persona estremamente precisa, metodica e puntuale. Attenta affinchè il compito affidatomi possa venir portato a termine nel miglior modo possibile e nel tempo necessario. Amo il cinema, la televisione (quella di qualità) e tutto ciò che ha a che fare con lo spettacolo ed è questo ciò di cui mi occupo.

NESSUN COMMENTO