Intervista con Gabriele Aiello: ”Ferrillo è uno sciacallo che sfrutta la Terra dei Fuochi”

0
88

NAPOLI – Nuovo rallentamento per il disegno di legge sugli ecoreati.
La Camera dei deputati ha rinviato al Senato la proposta di legge, dove era stata approvata tempo fa.
Le associazioni Stop Biocidio, Unione degli Studenti Campania, Associazione Noi Genitori di Tutti, Comitato C’at accis a salute scrivono reagiscono duramente a questo nuovo stop e scrivono:”Non si può permettere agli ecocriminali di agire indisurbati, di vedere i processi per inquinamento finire in prescrizione, di considerare l’inquinamento un danno collaterale, magari banalmente economico da sanare con una multa pecuniaria”.

Abbiamo intervistato il giovane esponente del Comitato ”C’at accis a salute”, Gabriele Aiello per fare il punto della situazione.
Ecco quanto segue:

Come reagite allo stop al disegno di legge sugli ecoreati?
Siamo davvero incazzati, dopo tante lotte c’eravamo quasi al traguardo. Ma è bastata una telefonata di qualche signorotto del petrolio per mandare tutto all’aria. Riteniamo vergognoso che il popolo non venga ascoltato e invece i potenti vincono.

Come Comitato ”C’at accis a salute”, avete sempre combattuto con il Comitato Fuochi, Libera e l’Unione degli Studenti diverse battaglie in questi mesi, qual’è la situazione attuale del comune di Casalnuovo e dell’interland vesuviano?
La situazione nella terra dei fuochi è sempre la stessa, a Casalnuovo abbiamo raggiunto un grande traguardo con l’osservatorio ambientale ma c’è ancora tanto da lavorare.

Ci sono novità sulla vicenda Comasa?
Sulla Comasa, ne sanno più i giornalisti che io, quello che so preferisco dirlo quando sarò certo.

A Ferrillo che ha deciso di scendere in campo in politica con Caldoro, cosa dite?
Non ho nulla da dire a Ferrillo, non è uno di noi. E’ semplicemente uno sciacallo che frutta la terra dei fuochi e poi si allea con il signore degli inceneritori.

Pensate a nuove iniziative nel breve termine?
Nuove iniziative ci saranno sicuramente, ma stavolta andremo più in alto.

Pasquale De Laurentis

CONDIVIDI
Articolo precedente“Marx era un rivoluzionario!”, la critica di Rizzo (Pc) alla Biennale di Venezia
Articolo successivoX Factor 9: Sky annuncia i nuovi giudici
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO