Esclusiva – Civati:”Presto arriverà anche la Buona Università”

0
42

NAPOLI – Non bastava la ”Buona Scuola” che sta scatenando le proteste degli studenti e dei docenti, presto arriverà anche la ”Buona Università”.
A confermare quanto già dichiarato, qualche tempo fa, da Faraone e dalla Puglisi è direttamente Pippo Civati, che recentemente è uscito di scena dal Pd.
Civati, oggi a Napoli per presentare il suo ultimo libro, ”Il Trasformista” è stato intercettato in esclusiva da Libero Pensiero News, ecco quanto segue:

Cosa pensa della Buona Scuola?
”La Buona Scuola è uno slogan, in verità è molto piccola e poco ambiziosa. Questo è testimoniato dallo Sciopero Generale, il più partecipato degli ultimi anni.
Ci sono delle molte sbagliate e lasciate al governo in questo disegno di legge e noi domani inizieremo la battaglia con Giancarlo Giordano, i deputati di Sel e il M5S.
Spesso la scuola è citata come argomento secondario perchè in questo paese conta l’economia. In realtà la scuola è un fattore di cittadinanza che ha uno straordinario potenziale economico. Avere dei cittadini più informati, più consapevoli di se stessi, più forti e meno diseguali nelle possibilità, significa avere un paese più forte”.

C’è il rischio che dopo la ”Buona Scuola”, si passi alla ”Buona Università”?
”E’ sicuro. A Settembre/Ottobre. Il modello è quello della Buona Scuola, cioè di lenta privatizzazione. Sarà complicato mettere a posto le cose”.

Il futuro di Civati è vicino alla Coalizione Sociale immaginata da Vendola e Landini?
”La Coalizione Sociale tecnicamente è una cosa un po’ diversa da quello che faccio io. E’ una rete sociale che dichiara di non fare rappresentanza politica. Sicuramente con Sel c’è un rapporto, basti pensare che siamo stati eletti insieme. Dobbiamo essere più ambiziosi, dobbiamo convincere milioni di persone che c’è una proposta di governo nuova e diversa, sicuramente più coraggiosa di quella che abbiamo visto fino ad ora”.

Civati poi annuncia che sosterrà l’impegno per proporre un referendum per contrastare l’Italicum e dice di guardare con forte interesse a Sinistra al Lavoro.
A chi gli chiede sulla sua uscita dal Pd:”Hanno fondato un nuovo partito, il partito della nazione”.

Pasquale De Laurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteServizi falsi su Rete 4: “Striscia” scopre, Lerner si schiera
Articolo successivoIl Senato USA blocca il TPP, mettendo a rischio anche il TTIP
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO