Portici – Conclusa la due giorni di formazione dell’UDU Napoli

0
82

PORTICI – Dopo la Buona Scuola arriverà la Buona Università.
I rumors dei mesi scorsi accompagnati poi dalle parole di Faraone sono diventati poi certezze dopo le recenti affermazioni di Civati , rilasciate a Libero Pensiero News, durante la visita a Napoli della settimana scorsa.
E’ proprio in questo scenario, cioè per contrastare l’azione del governo su scuola e università, che diventa fondamentale la formazione di nuovi quadri dirigenti all’interno delle organizzazioni studentesche.
L’Unione degli Universitari ha avviato, già da diversi mesi, per tutto il territorio nazionale workshop, le cui parole chiave sono Formazione, Rappresentanza e Conflitto.

Così il 16 e il 17 Maggio scorso, a Portici, l’UDU Napoli ha ”inaugurato” la due giorni di formazione dei militanti e simpatizzanti dell’associazione.
Soddisfazione per la riuscita dell’iniziativa nelle parole del coordinatore UDU Napoli, Lorenzo Fattori: ”Si è conclusa oggi la prima scuola di formazione regionale della Campania dell’Unione degli Universitari. La scuola si è articolata in workshop che hanno riguardato i principali campi di attività dell’organizzazione: diritto allo studio, didattica, rappresentanza, eventi culturali. La scuola ha visto la partecipazione del coordinatore nazionale dell’Udu, Gianluca Scuccimarra, di Antonio Santoro, consigliere del CNSU, di Angela Cortese, esperta di diritto allo studio, e di numerosi studenti delle università della Campania”.

Le attività si sono tenute a Portici nel circolo E. Berlinguer e si sono concluse con i saluti del capogruppo consiliare di Sel, Salvatore Iacomino.

”È questo il primo passo per la formazione dei più giovani iscritti all’Unione degli Universitari – conclude Fattori –  che continuerà con ulteriori appuntamenti e workshop nei prossimi mesi”
Insomma per un’università che cambia nel corso degli anni occorrono sicuramente studenti formati e consapevoli per comprendere al meglio ciò che non funziona, quindi proporre modelli e soluzioni alternative.

Pasquale De Laurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteStrategy Group: la Formula 1 che cambia
Articolo successivoNAPOLI TATTOO CONVENTION – Mostra d’Oltremare 22-23-24 maggio
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO