Università a Cinque Stelle

0
25

NAPOLI – Libero Pensiero News ha incontrato alcuni dei candidati al consiglio della regione Campania per il Movimento Cinque Stelle con VALERIA CIARAMBINO, presidente.

ETTORE SCAMARCIA, studente universitario al V anno di Giurisprudenza del dipartimento dell’Università degli studi di Napoli Federico II,

– IOLANDA DI STASIO, studentessa universitaria al V anno di Giurisprudenza del dipartimento dell’Università degli studi di Napoli Federico II e

– ALESSANDRO AMITRANO, studente universitario al v anno del dipartimento di Medicina e Chirurgia dell’Università degli studi di Napoli Federico II.

Prima di iniziare l’intervista i tre candidati fanno un’appello molto importante: ”Siamo studenti che non vogliono più delegare ai partiti i nostri problemi sull’istruzione universitaria. Costiamo meno di altri politici perchè ci dimezziamo lo stipendio”.

ETTORE SCAMARCIA – La giunta Caldoro in questi 5 anni di governo ha investito 0 euro sul diritto allo studio. La vostra proposta qual’è?
In questo momento la regione non investe risorse proprie per il diritto allo studio. Secondo il decreto Monti per le università è previsto un meccanismo premiale, cioè più una regione spende per un università e i servizi universitari, più avrà dallo stato. Se la regione non investe lo stato da un minimo, infatti il fondo integrativo ministeriale che lo stato da alla regione Campania è di appena 2,8 milioni.
Noi chiediamo l’applicazione della riduzione della tassa regionale sul diritto allo studio, mediante un decreto regionale.

IOLANDA DI STASIO – Il sistema del trasporto pubblico in Campania ha recentemente subito un notevole aumento del costo dei biglietti. De Luca promette trasporto gratuito per tutti gli studenti fino ai 26 anni.
La nostra proposta è programma di trasporto regionale gratuito per tutti gli studenti. Reputiamo che il diritto allo studio sia un diritto e ci debba essere data la possibilità di studiare. I trasporti nella nostra regione funzionano malissimo, infatti molte università hanno dovuto addirittura prolungare l’orario di entrata all’interno degli edifici, proprio  a causa della soppressione o  cancellazione delle corse.

ALESSANDRO AMITRANO – La regione Campania solo recentemente ha sbloccato delle risorse (poche) per le borse di studio del 2009.
Rientra sempre nel discorso del diritto allo studio. Secondo i dati pubblicati recentemente un buon 50% degli aventi diritto non percepiscono le borse di studio. Se andiamo a quantizzare in milioni di euro la cifra vediamo che in realtà parliamo di una cifra di intorno ai 20 milioni di euro. Quando la regione decide di investire subentra il fondo ministeriale, quindi non dovremmo neanche andare a trovare 20 milioni di euro.
Vengono dati incentivi ai dirigenti regionali. Noi pensiamo che questi soldi sia meglio destinarli agli studenti per le borse di studio.
Per investimenti degli studenti intendiamo sempre tutto ciò che permette l’accesso al diritto allo studio.
La creazione di strutture idonee per l’accoglienza degli studenti in particolar modo fuori sede che possono così godere di una struttura pubblica senza ricorrere ai privati con contratti a nero che evadono le tasse.

IOLANDA DI STASIO – Leggo tra i vostri punti stage tirocini, orientamento al lavoro?
Abbiamo inserito tale proposto perchè oggigiorno le nostre univrsità non permettono una formazione dei giovani all’interno delle aziende. Chiediamo inoltre, di rimoulare il progetto garanzia giovani di Caldoro.

ETTORE SCAMARCIA – La vostra proposta sugli immobili pubblici?
La regione deve fare una ricognizione degli immobili pubblici utilizzabili. Cioè gli immobili che appartengono alla regione, al comune o alle società partecipate.
Appena completato questo lavoro, gli immobili pubbllici possono essere destinati alle funzioni all’interno dell’università e alle organizzazioni studentesche.
Basti pensare che oggi le aule studio sono poche.

Pasquale De Laurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteDa De Luca a Carfora, storia di un fallimento politico
Articolo successivoFIFA: terremoto in atto. 7 dirigenti in manette
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO