“Les Républicains”, i francesi non vogliono Sarkozy

0
63
Nicolas Sarkozy e Les Républicains
Nicolas Sarkozy e Les Républicains

Sarkozy è ritornato sulla scena con la mente proiettata alle elezioni francesi 2017 che, probabilmente, decreteranno un vincitore del centro-destra, in nome dell’alternanza politica.

Una cosa potrebbe essere abbastanza certa, Hollande lascerà l’Eliseo. Il sostituto, al momento, è ancora incerto. Il match importante si giocherà tutto a destra, con le primarie autunnali del 2016 ancora da definire. Xavier Bertrand, François Fillon, Alain Juppé e Bruno Le Maire non stanno più nella pelle, tanto da chiedere a Nicolas Sarkozy, presidente del nuovo partito “Les Républicains” di definire, al più presto, i termini delle prossime primarie.

0209-Sarkozy-france-identity-debate-600_full_600La grande novità infatti si chiama, appunto, “Les Républicains” (I repubblicani), un nuovo status e un nuovo nome, una “Repubblica della fiducia”. In pratica si tratta di una rifondazione dell’UMP (tuttavia ancora esistente) voluta fortemente dal presidente Sarko, probabilmente per rinfrescare l’aria e ripartire da zero, sotterrando gli errori, gli screzi e le vicende giudiziarie del passato.

Il partito rinnovato, può contare già su 213.030 aderenti, molti dei quali il 29 Maggio hanno accettato il nome ed hanno partecipato al primo congresso ufficiale a Parigi il 30 dello stesso mese lanciando la riconquista all’Eliseo. Qualcuno però già ama definirlo ex-UMP, visto che, in realtà, non è cambiato niente. I colori, i modi, i tempi ed i personaggi sono gli stessi. Ma quanto influenzerà questo cambiamento in vista delle presidenziali 2017?

Molti francesi pensano che sia irrilevante. Secondo un sondaggio Odoxa, infatti, il 72% dei francesi non vorrebbe vedere Nicolas Sarkozy come candidato; anzi, il 79% pensa addirittura che questo cambio di nome non sia utile a far ripartire il partito. Stessa storia anche in casa PS. Il 77% dei francesi, secondo lo stesso sondaggio, non vorrebbe nemmeno vedere candidato il presidente uscente Hollande. La verità è che 6 francesi su 10 preferirebbero il presidente MoDem (Movimento Democratico di Centro) François Bayrou al Sarko nazionale.

Bayrou però, sindaco di Pau, noto professore, ex ministro all’istruzione, da un paio di anni si è allontanato dalla politica nazionale e, secondo molti, non si candiderebbe nel 2017 visto anche le precedenti esperienze non sono andate molto bene (presidenziali 2007 e 2012). Il sindaco infatti, riuscirebbe a prendersi il consenso di quella parte della sinistra che, al momento, resta senza un leader. La strada è ancora lunga e i retroscena potrebbero essere molti. Chissà se il PS non punti su una nuova figura vincente, magari una donna e chissà che l’FN non intralci realmente il cammino di qualcuno.

Giuseppe Ianniello

NESSUN COMMENTO