Esclusiva – Città metropolitana, dentro Tuccillo. Possibili soprese per le deleghe

0
28

NAPOLI – Il sindaco, Luigi De Magistris, di ritorno da New York dovrà occuparsi del rimpasto della Giunta comunale e non solo.
Mentre al comune c’è da sostituire Francesco Moxedano, eletto consigliere regionale, per il quale si fa il nome di Caterina Pace Idv, il vero nodo resta l’asset e la distribuzione delle deleghe per la Città metropolitana.

Secondo quanto raccolto in esclusiva dalla redazione di Libero Pensiero News, in pole per ricoprire la carica di vicesindaco ci sarebbe Domenico Tuccillo.
L’attuale sindaco del comune di Afragola infatti, primo degli eletti nelle liste del Partito Democratico in consiglio metropolitano lo scorso mese di Ottobre potrebbe sostituire Elena Coccia.
Lo scenario appena descritto sarebbe anche il frutto di un accordo tra De Magistris, il PD e il Nuovocentrodestra, in ottica di un riavvicinamento tra il primo cittadino di Napoli e il Partito Democratico sulla scia anche della vittoria di De Luca alle elezioni regionali.
Se il nome di Tuccillo per la poltrona di vicesindaco lo si fa da tempo, non si escludono invece sorprese nella distribuzione delle altre deleghe.
All’ambiente potrebbe finire il sindaco di Acerra, Raffaele Lettieri(Nuovocentrodestra), ai trasporti e alla viabilità Gaetano Troncone(Lavoro, sviluppo e ambiente), al bilancio Elpidio Capasso(Lavoro, sviluppo e ambiente), istruzione ed edilizia scolastica Salvatore Pace(PD), al lavoro Marco Mansueto(Nuovocentrodestra).

La possibile ‘intesa’ tra De Magistris e il sindaco di Salerno infatti, potrebbe rappresentare la vera chiave di svolta per le comunali di Napoli del 2016′, alle quali l’ex Pm dovrebbe ricandidarsi quasi certamente.
I detrattori potrebbero obbiettare nel seguente modo: quale interesse può mai avere De Luca nell” ‘aiutare’ l’attuale sindaco di Napoli a riconfermarsi a Palazzo San Giacomo? Andrea Cozzolino. Il nome dell’Eurodeputato Pd, già avversario del primo cittadino di Salerno alle primarie potrebbe dare in un certo modo qualche grattacapo al successore di Caldoro.

Pasquale De Laurentis

 

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteGrumo Nevano, il sindaco: “Sulla stabilità del Municipio allarmismo infondato”
Articolo successivoTappeti di sale a Nocera Superiore
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO