Schiamazzi al Liceo Vittorio Emanuele, il vicepreside:”Ecco come stanno le cose”

0
173

Per la Digos intervenuta sul posto, musica alta. Multa e denuncia ad un docente.

NAPOLI – ”Siamo oggetti di una campagna mediatica di diffamazione non so onestamente ad opera di chi”.
Con queste parole il Prof.Giovanni Aricò, vicepreside del Liceo Vittorio Emanuele di Napoli prova a spiegare quanto verificatosi lo scorso week end di venerdi 5 giugno.

<< La scorsa settimana – dice Aricò – abbiamo organizzato la festa di fine anno, tradizione del nostro liceo da oltre 10 anni con buffet ed esibizioni musicali dal vivo e musica registrata.
A serata ormai conclusa, intorno alle 22.20, nel mentre i ragazzi defluivano, nel cortile dell’istituto si presentano 7 agenti della digos, i quali iniziano a scattare foto e a rovistare nei cestini della spazzatura.
<< State organizzando una serata danzante con libero accesso >> – ammoniscono i poliziotti, i quali a fine serata hanno anche denunciato il docente referente dell’iniziativa << per mancanza delle condizioni di sicurezza e agibilità in luogo non idoneo allo svolgimento di serata da discoteca con accesso libero alla pubblica via >>

I controlli degli agenti poi sono proseguiti in piazza Bellini, luogo abituale frequantato dai giovani, dove sono stati segnalati ed identificati alla Procura dei minori cinque ragazzi trovati in possesso di sostanze stupefacenti.

”Ci hanno contestato l’uso di strumentazioni di tipo professionale e ci hanno comminato anche una sanzione amministrativa di oltre 1000 euro” – conclude il vicepreside.

Dura la reazione anche degli studenti che definiscono quale  ”persona molto vicina all’ambiente della DIGOS” chi ha effettuato la fatidica telefonata per chiedere l’intervento immediato degli agenti sul posto.

Dai vertici del liceo, intanto è stato diramato un duro comunicato nel quale si sottolinea che ”quanto è stato svolto nelle mura del nostro Liceo non solo risponde alla normativa e alla liceità più assoluta ma non corrisponde minimamente col quadro ambiguo e distorto del Vs. quotidiano”, in riferimento a quanto scritto da un noto quotidiano stamattina.

Pasquale De Laurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteDe Magistris incontra De Blasio a New York
Articolo successivoToti “L’India non ci restituisce i nostri tre Marò”. Esplode l’ironia del web
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO