Napolislam: il docufilm “cinedattero”

0
100
Napolislam

Napolislam, distribuito da I Wonder Pictures, è il docufilm che quest’anno ha vinto il Biografilm Italia Award. Quest’ultimo uscirà nelle sale in pieno Ramadan, precisamente il 25 Giugno.

Il Ramadan è un periodo sacro per i fedeli islamici, il quale quest’anno inizierà il 18 Giugno. Dunque, alle sue porte, Ernesto Pagano – il regista – propone il suo docufilm che narra le storie di napoletani convertiti. Egli ha dichiarato:

“Visto che arriverà nelle sale in un periodo di festa islamica, mi piace definire Napolislam un cinedattero, rifacendomi ai nostri cinepanettoni, ma in variante islamica, per il Ramadan.”

Napolislam è un sovrapporsi di culture e religioni nei vicoli di Napoli, le quali hanno scaturito la conversione di alcuni e la curiosità di altri che hanno iniziato un primo approccio alla fede islamica.

Napolislam“Il primo metro con cui ho scelto le persone da raccontare è che fossero delle conversioni autentiche, visto che molte sono indotte dai matrimoni misti. Ero interessato all’autenticità del loro desiderio di essere musulmani. Ho iniziato a notare come ci fossero dei convertiti nei quartieri popolari di Napoli. Qualcosa che si può vedere nella banlieue parigine, ma non nel cuore del mediterraneo, in una città italiana. Per me trovare dei convertiti nel rione Sanità era veramente surreale, tanto che proprio di questo tipo è  l’impronta che ho voluto dare al film, invitando gli spettatori a svegliarsi una mattina ritrovando Napoli come una città islamica”

Il regista vede nei napoletani un popolo aperto sempre di più al confronto e allo scambio culturale e religioso. Non a caso, Piazza Mercato ospita la preghiera di fine Ramadan. Egli omaggia la città partenopea anche sotto il punto di vista gastronomico mostrando le zeppole halal della pasticceria Lauri, considerate un simbolo di questa condivisione.

Insomma, Napolislam è un simbolo di pace nel periodo dell’islamofobia ed uno sguardo sulla Napoli cattolica.

Guarda il trailer di Napolislam

Ilaria Cozzolino

CONDIVIDI
Articolo precedenteSerie B: Rastelli firma con il Cagliari, lo sostituisce Tesser
Articolo successivoIl “Tesoro di Gomorra” è seppellito nell’Alto Casertano
Ilaria Cozzolino nasce a Napoli il 24 novembre 1993. Dopo aver conseguito il diploma al Liceo Linguistico, continua il suo percorso di studi all'Accademia di Belle Arti di Napoli al corso di Fotografia-Cinema-Televisione. Dall'età di 21 anni espone come artista presso la galleria di arte contemporanea "A01" di Napoli e, in seguito, presso la Serrao Gallery di Parigi. Da marzo 2015 collabora come coordinatrice e redattrice per Libero Pensiero News.

NESSUN COMMENTO