Rilancio Piazza Carlo III: in campo gli studenti

0
48

NAPOLI – A piazza Carlo III scendono in campo gli studenti.
L’idea è nata dal Coordinamento Studentesco Carlo III per rilanciare le sorti di una delle piazze storiche della città di Napoli che collega la periferia con il centro storico.

I FATTI – Negli ultimi anni piazza Carlo III è stata più volte teatro ed oggetto di violenze ed aggressioni ad opera di gruppi di stampo neofascista.
Episodi passati quasi sempre inosservati.
Da sottolineare anche azioni discriminatorie nei confronti di clochard.
Nel Luglio 2013, infatti, al centro delle panchine della piazza, di fronte Palazzo Fuga venivano installati dei ganci, i quali, secondo alcuni gruppi civici, ufficialmente di sostegno per gli anziani.
In molti si chiesero quale utilità per gli anziani potessero mai avere dei ganci posti in mezzo alle panchine.
Sembrò quindi subito abbastanza evidente che alcuni comitati che operano sul territorio della zona di Carlo III avessero chiesto ed ottenuto gli “uncini” evitando così, a persone senza un posto letto, di poter sdraiarsi sulle panchine della suddetta piazza.
Le panchine anti – clochard sono durate un anno, salvo poi essere rimosse nell’Agosto 2014′ dall’amministrazione, sulla forte spinta della campagna mediatica “Via le panchine della vergogna da piazza Carlo III”, promossa tra gli altri dal consigliere municipale, Francesco Donzelli.

PALAZZO FUGA  – Altra ‘questione spinosa’ è quella relativa all’utilizzo di Palazzo Fuga, l’ex albergo che ospitava chi non aveva casa.
Vincenzo De Luca, nelle settimane di campagna elettorale si è detto convinto di voler far nascere il più grande museo del mondo all’interno di Palazzo Fuga, pur ammettendo che esistono una serie di vincoli giuridici che ne condizionano la destinazione d’uso.
La proposta del museo a Carlo III è partita dall’associazione RAM (Rinascita Artistica del Mezzogiorno) convinta di rilanciare con il turismo le sorti della piazza.
Di altra idea sono gli studenti e alcuni rappresentanti della società civile, residenti in zona.
”Perchè non creare uno studentato per gli studenti universitari fuori sede” – rilanciano gli studenti.
”Perchè non far nascere un grande spazio a disposizione dei giovani del territorio e magari recuperare, seppur parzialmente, l’uso originario del Palazzo, ossia di ospitalità per i senza casa?

In questo scenario il rilancio della piazza passa inevitabilmente dalle mani degli studenti e per questo il Coordinamento Studentesco Carlo III, per l’intero mese di Giugno ha predisposto una serie di iniziative ed attività volte al rilancio effettivo della piazza.
Si parte Sabato 20 Giugno alle 17:30 con una Mostra d’arte sulla storia partenopea, dove i ragazzi dei Licei artistici della città metteranno a disposizione del quartiere le proprie opere che saranno esposte nella piazza e visibili a tutti, per l’intera serata!

PER IL PROGRAMMA COMPLETO: https://www.facebook.com/events/1617590715151559/permalink/1621888434721787/

Pasquale De Laurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteMosca-Roma, l’asse tra Bergoglio e Putin
Articolo successivoDal carcere di Secondigliano al Ministero della Salute: “Gli OPG vanno chiusi per legge”
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO