L’11 Luglio il Pride a Napoli. Madrina d’eccezione Maria Nazionale

0
93
Gay Pride Campania

NAPOLI – Il Pride il prossimo 11 Luglio torna a fare tappa in Campania, precisamente a Napoli.
Lo scorso 6 Giugno infatti, la città di Benevento ha ospitato I Pride della sua storia, per la precisione il Benevento Campania Pride che ha ‘aperto’ l’Onda Pride 2015′.

Il concentramento dell’evento ‘MEDITERRANEAN PRIDE OF NAPLES’ sarà a Piazza Dante Sabato 11 Luglio alle 17:30.
La parata attraverserà Piazza Carità, Via Toledo, Piazza Trieste e Trento, Piazza Plebiscito, Via Cesario Console e Via Partenope, per terminare a Castel dell’Ovo.

Il Pride napoletano di quest’anno, in un momento molto particolare per l’istruzione scolastica, per l’occasione ha deciso di sposare in pieno la ‘causa scuola’, quindi sarà un Pride incentrato sul tema scuola e diritti.

Madrina d’eccezione di questa edizione sarà l’artista Maria Nazionale. I testimonial d’eccezione saranno l’attrice di Un Posto al Sole, Nina Soldano, l’attore, Carlo Gabardini, l’artista, Immanuel Casto e il giornalista e divulgatore scientifico, Alessandro Cecchi Paone.

prideLa manifestazione, organizzata dal comitato Arcigay Napoli, Arcilesbica Napoli, coordinamento Arcigay Campania, Associazione transessuale Napoli, I’m Gay Any Problem? e Coordinamento Campania Rainbow, inserita nel ‘Giugno del Giovani’ sarà patrocinata, come al solito, dal Comune di Napoli, dell’Assessore all’istruzione e Promozione Culturale della Regione Campania e dall’Anci Campania.

Tanti saranno gli appuntamenti nei giorni che precederanno il Pride napoletano. Uno di questi è sicuramente il PRIDE CORRIDA, organizzato dal circolo Arcigay Napoli, che avrà luogo Mercoledì 8 Luglio alle ore 20:00, presso il Teatro Bolivar di Via Bartolomeo Caracciolo.

Insomma si avvicina sempre di più la data dell’11 Luglio che come al solito sarà ricca di rivendicazioni, in una città dove il sindaco, Luigi De Magistris, oltre a partecipare sempre in prima linea a tutti gli appuntamenti ha mostrato negli anni, sempre particolare attenzione al tema delle unioni civili alimentando spesso anche numerose polemiche.

Pasquale De Laurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteScandalo Catania: partite truccate, 7 arresti
Articolo successivoMidnight Factory: l’etichetta dedicata all’horror
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO