Occupazione a Porta di Massa, studenti accanto ai lavoratori

0
40
occupazione

NAPOLI – Presso l’Università degli Studi Federico II, nella sede di Porta di Massa, un gruppo di studenti ha intrapreso un nuovo percorso di occupazione degli spazi, per stare accanto a due lavoratori dell’apparato manutentivo, i quali hanno subito un tentativo di licenziamento, ingiustamente perché non è stata trovata una soluzione che, dopo il passaggio di cantiere, continuasse a consentire una garanzia del lavoro.

Con questa azione si vuole fare pressione alle istituzioni accademiche, che sono risultate poco sensibili alle necessità dei lavoratori della struttura. Uno degli occupanti denuncia: “Da giovedì 25 portiamo avanti questa vertenza, perché si tratta dell’ennesimo esempio di quanto il sistema del lavoro esternalizzato sia non solo fallimentare in termini di costi, ma soprattutto fallisce in termini di tutele e di ricadute sul lato occupazionale e su quello dei diritti dei lavoratori che vengono totalmente calpestati e cancellati.”

La situazione è andata degenerando perché dopo la stipulazione di un appalto di quattro anni concesso alla propria ditta, i due lavoratori hanno perso il posto di lavoro, ad un anno e mezzo di distanza, “trovandosi in mezzo a una strada, e l’Università ad oggi non è stata in grado di dare una risposta”.

L’occupazione partita dagli studenti è retta insieme ai lavoratori. Come continua a raccontare Tramontano, si sta portando avanti un’occupazione in duplice veste: “di solidarietà immediata a questi due lavoratori, in una dichiarata denuncia al modello dell’esternalizzazione che a parer nostro è fallimentare. Ma soprattutto per inserire questo in un respiro più ampio di riflessione su quelle che sono le condizioni dei lavoratori, che anche gli studenti a volte si trovano ad affrontare, e non solo in Italia ma anche in Germania, in Francia, in Grecia. Praticamente laddove una entità sovrastatale come quella Europea sta imponendo diktat di lacrime e sangue”.

occupazionePer adesso prosegue l’occupazione ed i ragazzi hanno “un momento di confronto, non solo con i lavoratori che rischiano il licenziamento, ma anche con gli altri lavoratori” con cui si hanno delle linee politiche condivise e con cui negli anni si sono anche vinte delle vertenze. Come ci spiegano, il problema del lavoro è un interesse collettivo, “di tutti”, e si capirà come far crescere questo percorso tramite i momenti assembleari. Inoltre, da precisare: “ci teniamo affinché quest’occupazione non rechi danni al corpo studentesco, anche se in un certo senso, riteniamo sia importante la partecipazione degli studenti, che sono i nuovi lavoratori. Nel frattempo col Direttore di Dipartimento si sono trovate sistemazioni altre, che non fossero il Palazzo Occupato di Porta di Massa per sostenere gli esami, quindi le attività degli esami sono state mantenute.”

CONDIVIDI
Articolo precedenteAmbiente: un albero per ogni morte prima dei 50 anni
Articolo successivoNapoli, lotta alla corruzione con il “Whistleblowing”
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO