#terranostraoccupata, #terranostraliberata

0
126
TerraNostra
TerraNostra

Riceviamo e pubblichiamo:

Cara città, siamo gli e le abitanti che stanno cercando di restituire un bene pubblico chiuso e lasciato all’incuria.

Un enorme spazio verde che potrebbe essere un parco di tutti e tutte in un territorio avvelenato dall’inquinamento e dalla speculazione edilizia, drammi che si aggiungono ai disagi della precarietà e della disoccupazione. Siamo il Comune delle industrie chiuse e mai bonificate. Mille sono state le promesse di riqualificazione mai mantenute su enormi pezzi della nostra terra che potrebbero essere spazi per servizi dedicati a chi abita questo enorme paese senza luoghi di aggregazione, di socialità, di verde. Pertanto siamo entrati in questo bene che lo Stato ha ceduto a costo zero all’amministrazione comunale con l’impegno da parte di quest’ultima di utilizzarlo per fini sociali.

C’è chi, guardando solo alla forma e non alla sostanza, dice che la nostra azione è illegale perché passa per la pratica dell’”occupazione”: di fatti la nostra “occupazione” è una legittima liberazione, un recupero organizzato in maniera autonoma perché non c’è più fiducia nelle istituzioni e nei ceti dirigenti. C’è chi, badando solo alle beghe tra politici locali, critica la Giunta non per aver trascurato questa risorsa ma per non aver represso la nostra iniziativa: in realtà, la nostra azione è indipendente, autorganizzata dal basso e non si basa sul favore di nessuno! C’è chi, inserito nelle dinamiche partitiche locali, sostiene che il nostro scopo sia di prendere possesso di queste terre, perseguendo i nostri interessi: invece non abbiamo commesso alcuna appropriazione indebita e promuoveremo solo attività di comune utilità, accogliendo le proposte e il protagonismo di tutti e tutte.

Stanchi di tante parole cadute nel vuoto in anni ed anni di malgoverno, dalla nostra parte ci sono i fatti. Da quando siamo entrati, i cancelli di quest’area sono aperti facendo in modo che chiunque possa usufruire di essa, mentre prima erano chiusi e nessuno aveva diritto all’accesso! Da quando siamo entrati abbiamo pulito i vialetti e i piccoli edifici, tagliato l’erba, programmato attività per il quartiere adiacente, per tutta Casoria, per tutta l’area nord. Non riconosciamo affatto il concetto di possesso. Anzi, vogliamo combattere le privatizzazioni e riconquistare beni comuni. I nostri interessi non sono quelli del gruppo che ha avviato questa esperienza ma quelli della comunità. Per questo abbiamo deciso di presidiare giorno e notte una zona verde fino a quando non verrà realizzato il parco che la Giunta dice di avere come progetto per essa, e per il quale attualmente non ci sono neppure fondi da investire.

Invece di aspettare – un’attesa forse vana? – stiamo autogestendo una parte di questi ettari per produrre un modello virtuoso di utilizzo dell’intera area. Un parchetto, un luogo dove chi non ha i soldi per andare in vacanza possa passare l’estate, degli orti sociali, dei progetti di agricoltura urbana gestiti dalle donne e dagli uomini del territorio, sono le nostre proposte. Tuttavia aspettiamo le idee e la condivisione di tutta la cittadinanza.

TerraNostra è a Casoria nell’ex-deposito aereonautico di Via Boccaccio, 36 (“Ponte tre luci” // nei pressi della Stazione)

NESSUN COMMENTO