CASALNUOVO – Aiello all’attacco:”Perso troppo tempo sul tema del biocidio”

0
88

CASALNUOVO – Gabriele Aiello è un giovane attivista del territorio di Casalnuovo, studente dell’istituto Siani.

Orfano del papà scomparso prematuramente per un tumore, il giovane Gabriele, da oltre un anno ha deciso di dire basta e lotta per difendere la sua terra dall’inquinamento e per evitare che altri possano ammalarsi come il suo papà
Il giovane, in questi mesi ha fondato un movimento C’at accis a Salut, poi confluito nel Comitato dei Fuochi e con l’aiuto anche dell’Unione degli Studenti ha intrapreso la sua battaglia.
Mesi difficili quelli appena trascorsi, ma non per questo si è perso d’animo.
La settimana scorsa ha incontrato il Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti e Libero Pensiero News ha voluto ascoltare dalla sua voce, il resoconto dell’incontro.

”Mercoledì sera ho ascoltato e chiacchierato  – dice Aiello – con il Ministro dell’Ambiente Galletti. Nel corso degli interventi, il Ministro ha detto che in questo suo primo anno di mandato ”ha pensato a una soluzione”, ma mentre lui ha ‘ pensava’ sono morti tanti altri bambini, bambine, uomini, donne devastati dal tumore, ma adesso si passerà dal pensare al fare, o almeno si spera. La Lorenzin si sbagliò – attacca Aiello – non erano stili di vita, l’osservatorio ambientale regionale ha dimostrato che c’erano terre inquinate e ha sottolineato che bisogna proteggere il prodotto Campano, giustamente, almeno quello buono. Il discorso è stato deviato più volte -prosegue – addirittura si è parlato di raccolta differenziata, che non c’entra nulla con la terra dei fuochi. Infine abbiamo parlato, io e lui, un semplice ragazzo che è stato colpito dal problema ambientale, e che ha formato qualcosa di concreto e forte”.

Aiello poi rassicura i cittadini:”Ho detto al Ministro che vigileremo sul suo operato. Mi ha risposto che ”se le promesse non verranno mantenute, io mi tolgo di mezzo”.
Ho immortalato anche l’incontro – conclude Aiello – così tra un anno, in un modo o nell’altro gli farò vedere questa foto e ricordando le sue parole vedremo se gli stringerò la mano o una stretta di mano o chiederò le sue dimissioni”.

Pasquale De Laurentis

CONDIVIDI
Articolo precedentePit stop: il caso Silverstone
Articolo successivo“Light is Back” illumina l’Ultima Cena di Leonardo
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO