Napoli Pride 2015: in 50 mila in piazza per i diritti e la scuola

0
162

NAPOLI – ”Sono diversi anni che sono lesbica e voglio dichiararlo al mondo senza essere presa di mira. In passato sono stata anche vittima di bullismo. Il governo dovrebbe mettersi una mano sulla coscienza”.
A parlare è Valentina, una delle tante ragazze lesbiche che ieri sono scese in piazza per i diritti e i matrimoni.

valentina
Valentina, una ragazza lesbica

In 50 mila sono scesi ieri pomeriggio in piazza per la marcia dei diritti, partendo da piazza Dante, fino al Lungomare, passando per via Toledo, piazza Carità e Plebiscito.
”Sono gay dall’età di 12 anni, ora ne ho 22 e voglio urlare al mondo il mio amore per Filippo”. Lui è Domenico, studente di Economia che per anni ha nascosto ai genitori di essere gay col timore di non essere più accettato e di sentirsi ‘diverso’.
”Amare è un diritto umano” è il cartello invece che mostra Paola.
”Siamo un paese particolare. Il mondo dice semplicemente sì, dal referendum della cattolicissima Irlanda, alla Corte suprema degli Usa che ha esteso a tutti gli Stati il matrimonio tra persone dello stesso sesso – dice Antonello Sannino, presidente di Arcigay Napoli, tra le associazioni organizzatrici del pride.
In piazza anche gli esponenti del Movimento Cinque Stelle:”Quelle contro l’omofobia e per le unioni civili sono tra le leggi che vogliamo immediatamente” – dicono i pentastellati.
Il sindaco De Magistris dal carro dice: ”Napoli avanti sul tema dei diritti”. Parlamento e Governo sono ancora indietro e ogni anno continuano essere latitanti sul tema dei diritti e del matrimonio tra persone dello stesso sesso». La nostra è una battaglia che ci vede in prima linea . La città di Napoli è per la Costituzione repubblicana che, all’articolo tre dice che c’è uguaglianza e senza distinzione di sesso. È venuto il momento che ci sia l’apertura mentale massima. L’unico vincolo è quello dell’amore, il resto è pregiudizio e oscurantismo. I numeri sono ancora bassi – conclude – ma si può fare di più”.

Assente il neo Governatore, Vincenzo De Luca, parla Francesco Borrelli come delegato dell’ex sindaco di Salerno:”Il presidente De Luca – dichiara Borrelli – ha firmato durante la campagna elettorale la piattaforma politica proposta dalle associazioni e dai collettivi lgbt della Campania nella quale c’è il riconoscimento dei diritti civili, di piena cittadinanza, di tutela della salute e del benessere, delle persone lesbiche, gay, bisessuali e trans ed alla quale ci atterremo nel programma di governo”.

Adesione al Pride anche dal Partito Democratico.”Le differenze sono una ricchezza” – commenta il segretario regionale, Assunta Tartaglione.

Pasquale De Laurentis
Foto: Serena Spennato

 

[Best_Wordpress_Gallery id=”71″ gal_title=”gaypride 2015″]

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteGrecia, OK del parlamento al piano di Tsipras e nuova apertura al terzo Bailout
Articolo successivoPit stop: il caso Silverstone
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO