Federico II: anche il Senato Accademico dice sì all’aumento delle tasse

0
68

NAPOLI – Ora è ufficiale: gli studenti e le studentesse della Federico II, a partire dal primo semestre 2015/2016, vedranno aumentare la tassa d’iscrizione all’università.
La proposta, dopo l’approvazione avvenuta nei giorni scorsi nel CdA è stata ratificata, durante la seduta odierna anche dal Senato Accademico.
I rappresentanti degli studenti, così come accaduto in CdA, hanno espresso all’unanimità voto contrario.
L’aumento della tassazione sarà del 25% per le fasce dalla 15esima alla 19esima.

Luca Scognamiglio, Presidente del Consiglio degli Studenti e membro di Confederazione degli Studenti dice: «Esprimiamo tutta la nostra amarezza per un aumento che per quanto gravante solo sulle fasce isee più alte (e quindi di fatto quelle con la pressione contributiva più bassa fino a ora) avviene in un momento socio-economico estremamente duro. Inoltre – prosegue – abbiamo portato all’attenzione del senato come i servizi percepiti da noi studenti (per quanto la maggior parte di questi siano competenza dell’adisu) siano ai minimi storici»
Scognamiglio promette un Settembre di proteste sul tema della tassazione e dei servizi.

Non sembra voler arretrare la mobilitazione LINK Napoli – Coordinamento Universitario che questa mattina ha protestato calando uno striscione sulle scale della sede centrale della Federico II.

LA PROTESTA DI LINK NAPOLI - COORDINAMENTO UNIVERSITARIO CONTRO L'AUMENTO DELLE TASSE
LA PROTESTA DI LINK NAPOLI – COORDINAMENTO UNIVERSITARIO CONTRO L’AUMENTO DELLE TASSE

«Continueremo a mobilitarci – assicura Mattia Papa, Portavoce LINK Napoli – affinché agli studenti venga garantito il libero accesso all’Università e ai saperi, interrogando senza sosta gli organi apicali dell’Ateneo affinché questo si ponga in netta contrarietà nei confronti di un restringimento del Diritto allo Studio che va evidenziandosi nelle linee guida che il Governo ha in mente per l’Università».

Gli fa eco, Raffaele Giovine, Consigliere d’Ateneo LINK Napoli: «Il Rettore dovrebbe confrontarsi con la reale situazione politica interna all’Ateneo, permettendo così l’espressione di una pluralità che non guarda solo all’amministrazione dell’università, ma agli interessi reali studenteschi ».

Durissimo attacco anche dall’Unione degli Universitari di Napoli, attraverso le parole del coordinatore, Lorenzo Fattori:«L’approvazione dell’aumento delle tasse è un errore madornale. È bene che sia stato evitato l’aumento per le prime 14 fasce, ma si colpisce comunque con forza il ceto medio, che grazie al sistema di calcolo totalmente iniquo del nuovo ISEE ricade perlopiù in 15esima e 16esima fascia, ovvero famiglie che già hanno duramente pagato la crisi economica. Questo non dipende solo dalla Federico II, ma è tutto il sistema di finanziamento dell’università italiana che va ripensato, accantonando le follie gelminiane che, anche a causa dell’inazione degli ultimi governi sul tema dell’Università, continuano a fare danni. Per quanto ci riguarda continueremo a richiedere il passaggio a un sistema di tassazione più progressivo e che superi il meccanismo della fasciazione» – conclude.

Pasquale De Laurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteCaravaggio messo “a nudo” da Milo Manara
Articolo successivoLa Terra dei fuochi brucia e il Governo che fa?
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO