Festival dell’Oriente ad Oltremare

0
150
festival dell'oriente
Napoli ospiterà per la prima volta il Festival dell’Oriente presso la Mostra d’Oltremare (Piazzale Tecchio) nei giorni 11-12-13-18-19-20 Settembre 2015 dalle ore 11:00 alle 24:30.
L’intento, ad opera degli organizzatori, è quello di trasmettere la multiculturalità e l’etica orientale ai paesi occidentali rivelando usi, costumi, miti e tradizioni culturali all’insegna del divertimento.
1610773_952171814835243_1648986894387049690_n
Per tale evento sono state ricreate dodici aree tematiche che accoglieranno i visitatori permettendo loro di partecipare ai workshop e alle cerimonie tradizionali come la struggente cerimonia dell’Ikebana, il rigore estetico dello Shodo, l’ Iaido, la cerimonia del Tè, i canti tradizionali, la vestizione del Kimono, la mostra delle katane, delle armature, dei ventagli e dei tamburi da guerra Taiko.
Ci saranno spettacoli musicalimostre fotografiche, circa 350 stand commerciali e tanta gastronomia tipica da gustare in ben venti ristoranti etnici ripercorrendo i sapori tipici del Sri Lanka, Tibet, Cina, India, Rajasthan, Giappone, Pakistan, Indonesia, Vietnam, Corea e Bali. A seguire, confrenze, concerti, danze e arti marziali. Ci sarà il Taiko, tipico concerto di tamburi giapponesi, la suggestiva danza dei leoni sui pali con due leoni che eseguiranno una coreografia sospesi sui pali a quasi due metri di altezza, la danza del cinema indiano Bollywood, la danza del drago, la danza classica kuchipudi e tanti altri intrattenimenti folkloristici.
In particolare dalle ore 11 fino alle 24 si potrà assistere gratuitamente alle conferenze riguardanti la medicina tradizionale, medicina alternativa, salute e benessere, yoga, massaggi, discipline bionaturali, terapie olistiche, spiritualità.
taiko_front
11703349_974179125967845_3262769192411888004_nIl festival dell’Oriente porterà a Napoli la magia della festa Holi festival dei colori – tipica festività  antica della mitologia indù celebrata il giorno successivo alla prima notte di luna piena Dhulhendi nel mese di Phalgun o Phalguna. Si tratta di un vero e proprio carnevale dove si festeggia con canti, balli e polveri coloranti. Holi significa bruciare, non a caso le persone sono solite dipingere i loro volti trasformandoli in arcobaleni e durante le danze si lanciano reciprocamente manciate di polvere colorata per indicare la magia del colore che, bruciando sui loro volti, annienta il male.

Ulteriori informazioni: Festival dell’Oriente.

Fonti immagini: Ph. Gaudenzio Ghilardi.

Sabrina Mautone

CONDIVIDI
Articolo precedenteEros e Thanatos: “amor condusse noi ad una morte”
Articolo successivoGiffoni Film Festival 2015
Sabrina Mautone nasce a Napoli il 18 Maggio 1996. Diplomata presso il Liceo Scientifico Niccolò Braucci e laureanda in Lingue, culture e letterature moderne europee alla Federico II. Amante della scrittura, letteratura e fotografia. Vince il premio Librandosi da giovanissima.

NESSUN COMMENTO