Il Ministro Giannini:”Le scuole sono sicure”. Non la pensano così UdS e RedS

0
92
20090914 - ROMA - HUM - 8 MILIONI STUDENTI TORNANO A SCUOLA, CAMBIA 1/3 DEI PROF Studenti del liceo classico Dante Alighieri di Roma in classe per il primo giorno di lezione, oggi 14 settembre 2009. Oggi si torna in classe in quasi tutta Italia. Sono circa 8 milioni gli studenti che riprenderanno l'attivita'. A tutti il ministro dell'istruzione Mariastella Gelmini ha inviato un augurio. Un terzo degli studenti, secondo la rivista Tuttoscuola, avra' la sorpresa di avere nuovi professori. Sarebbero quasi 200 mila gli insegnanti che cambiano sede quest'anno; 70 mila per scelta, gli altri perche' precari. ANSA/ GUIDO MONTANI / DBA

«Il 100% degli edifici scolastici in Italia sono sicuri, soprattutto da oggi».
Con queste parole, il Ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, a margine della presentazione dell’Anagrafe dell’edilizia scolastica, ha rassicurato circa lo stato attuale degli edifici scolastici.

Il Ministro, ha poi aggiunto:«Anche se il 55% degli edifici è stato costruito prima del 1976 e quindi non era sottoposto alla normativa sul collaudo, ogni anno gli enti locali provvedono alle opportune verifiche. E ciò vale soprattutto a partire da oggi».

Immediata la replica dell’UdS: «Le dichiarazioni del Ministro Giannini sono totalmente fuori luogo e sconnesse dalla realtà. Meno della metà degli immobili ha il certificato di collaudo, 7 scuole su 10 non hanno un piano di emergenza, 6 su 10 non hanno il certificato di agibilità/abitabilità, 8 su 10 non hanno il certificato di prevenzione incendi in corso di validità. Come può affermare che il 100% delle scuole del Paese sono sicure? – dichiara Danilo Lampis, coordinatore nazionale dell’UdS .
«Dopo 20 anni di ritardo era necessario e non più rinviabile far partire l’Anagrafe dell’Edilizia Scolastica. Tuttavia, in attesa di vedere i dati definitivi, visto che manca circa l’8% dei dati, rivendichiamo la necessità dei Comuni e delle Province di derogare innanzitutto al Patto di Stabilità per sboccare i fondi utili. Il Governo non può però illuderci dicendo che stanno realizzando degli investimenti sostanziali. Servono minimo 13 miliardi di euro per intervenire concretamente, come stimato dalla Protezione civile e come già denunciato da tempo dall’Unione degli Studenti» – conclude.

Anche la Rete degli Studenti Medi risponde al Ministro: «Apprendiamo tramite stampa delle dichiarazioni del ministro Giannini sullo stato della sicurezza nelle scuole, ai suoi dati noi contrapponiamo i crolli e i malfunzionamenti che quasi quotidianamente vediamo nelle scuole di ogni ordine e grado, mettendo in pericolo l’incolumità degli studenti e di chi in quei luoghi ci lavora» – dichiara Camilla Cagnoni, dell’esecutivo nazionale della Rete degli Studenti Medi.
«Un bagno di realtà per il ministro non farebbe male. Dei cantieri che dovevano partire grazie al finanziamento di marzo 2014 ben pochi sono partiti, e quindi non è possibile che le scuole si siano messe in sicurezza da sole. Vogliamo fatti concreti».

Da Lunedì, l’Anagrafe dell’edilizia scolastica sarà consultabile sul sito del Ministero.

Pasquale De Laurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteLibertà, responsabilità e il tema delle dipendenze
Articolo successivoFotovoltaico, prosegue l’avanzata cinese
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO