Intervista con Dario De Falco:”Il reddito di cittadinanza, contributo necessario per sopravvivere e formarsi”

0
128

POMIGLIANO – Dario De Falco, alle recenti elezioni amministrative è stato il candidato sindaco del Movimento Cinque Stelle per il comune di Pomigliano D’Arco.
Dario, 30 anni, lavoratore autonomo ha concluso la corsa al comune totalizzando il 24% delle preferenze e piazzandosi al II posto, alle spalle di Lello Russo divenuto poi sindaco.
Libero Pensiero News ha intervistato l’attuale capogruppo per il M5S nel consiglio comunale di Pomigliano D’Arco interrogandolo su diversi temi.
Di seguito l’intervista:

Dalla Città metropolitana giungono notizie rassicuranti circa la costruzione della ”famosa” Cittadella studentesca. Conferma?
Auspico lo sblocco dei 16 milioni di euro per la costruzione di questa Cittadella. Abbiamo necessità impellenti perchè gli istituti EuropaCantone svolgono le lezioni in edifici per civili abitazioni e questo oggi non è più possibile. Gli studenti hanno diritto a studiare in edifici nati per lo scopo. Come Movimento Cinque Stelle Pomigliano faremo pressione.

Sul ”caso Gori” avete dato indicazione di fare ricorso contro le ”nuove bollette truffa della Gori” per chiedere un annullamento.
Il Partito Democratico nel 2008 ha svenduto il ramo acqua della nostra azienda speciale municipata alla Gori spa. Oggi gli stessi  raccontano che ”grazie al loro ricorso” sono state invalidate le bollette Gori per le partite pregresse. Quest’ultima affermazione è  totalmente fasulla, poichè esiste una delibera del lato Sarnese – Vesuviano che dice in virtù delle difficoltà delle persone, non annulliamo, ma cambiamo la fatturazione. Annulliamo i bollettini inviati nel 2014 con richiesta del 40% e partiremo dal 2015 con il 10% e il restante 30%, 30% e 30% fino al 2017.
Non è stato annullato nulla per il maxi ricorso del PD. Il Movimento Cinque Stelle oggi dice, la Gori continua a truffare, noi presenteremo ricorso e saremo a disposizione per i cittadini di Pomigliano a presentare questi ricorsi contro i bollettini truffa della Gori.

Recentemente avete invitato l’Ing.Caprioli, Esperto di moti quantistici per chiarire ai cittadini che il Biogassificatore a Pomigliano è pericoloso.
Recenti studi scientifici ci dicono che queste centrali sono insalubri perchè producono nanoparticelle che entrano in una cellula e ti trasformano la cellula. Già a Pomigliano siamo rischio. Il Biogassificatore non risana neanche dal punto di visto economico l’azienda ed affosserebbe il comune di Pomigliano di debiti. Inoltre porterebbe un impianto che andrebbe ad incidere ulteriormente sulla qualità dell’aria.

Avete presentato anche al comune di Pomigliano la proposta sul Reddito di Cittadinanza, poi bocciata. Perchè è così importante?
Anche a livello nazionale portiamo avanti il Reddito di Cittadinanza che non deve essere visto come assistenzialismo, ma come contributo necessario per sopravvivere e cercare lavoro come del resto accade nel resto d’Europa.
Vogliamo per un tempo prestabilito dare alla gente il reddito di cittadinanza, in attesa di trovare lavoro e magari abolendo gli uffici di collocamento.
Questa proposta è stata rilanciata non appena ci siamo insediati al comune.
Abbiamo riscontrati diversi sprechi (circa 1 milione di euro) di sprechi.
Avevamo pensato di utilizzare questi ”sprechi” per dare un contributo di 1000 euro alle famiglie più bisognose calcolando reddito isee.
Questa proposta è stata bocciata dalla maggioranza senza motivazione, con l’astenzione del PD.
Cercheremo in questa consiliatura di essere propositivi, ma anche critici laddove si effettuano sprechi.

Si vocifera di possibili screzi tra Casaleggio e Grillo. Invenzioni giornalistiche o fondamento di verità?
Non saprei. Posso solo dire che all’interno del Movimento c’è sempre stato dialogo e confronto. Guai se non ci fossero posizioni differenti.
Prima c’era Beppe con Gianroberto, oggi ci sono Beppe e Gianroberto, insieme ad un direttivo di persone che con i parlamentari le persone del territorio prendono le decisioni. Non ho mai visto un sistema più democratico di quello che vige nel movimento Cinque Stelle.

Pasquale De Laurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteDomenica 6 Settembre, musei gratis a Napoli novità Pompei e Caserta
Articolo successivoWoody Allen: nuovo film e la storia si ripete
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO