Al MADRE di Napoli visite guidate gratuite

0
49
MADRE
il museo MADRE di Napoli

Durante il mese di settembre i cittadini partenopei e i visitatori giunti in città avranno, ancora una volta, la possibilità di godere della conoscenza diretta ed approfondita delle più rappresentative espressioni artistiche e culturali del mondo dell’avanguardia:

Dopo la grande affluenza avutasi lo scorso agosto tramite gli ingressi liberi, continuano difatti al MADRE, Museo d’Arte Contemporanea Donnaregina, i percorsi di visite guidate gratuite.

MADRE di Napoli

L’iniziativa, in vigore nelle giornate di sabato, domenica e lunedì, prevede una doppia sessione, l’una mattutina l’altra pomeridiana, che nell’arco di un’ora permetterà ai partecipanti di contemplare i tesori della modernità in compagnia di esperti del campo i quali illustreranno sala dopo sala, i caratteri salienti e le storie retrostanti alle opere esposte. Oltre a mettere a disposizione delle visite il primo ed il secondo piano dell’edificio,sedi delle collezioni permanenti, il MADRE spalancherà alla vista degli interessati anche le porte del terzo livello dove è stata momentaneamente allestita la mostra ‘Sturtevant Sturtevant’, dedicata all’artista statunitense Elaine Sturtevant, morta lo scorso anno e divenuta nota per aver dato avvio alla pratica di riproduzione delle creazioni altrui e dunque, ad una potenziale modalità di superamento del copyright.

 Sturtevant al MADREI percorsi proposti sono molteplici e variano a seconda dei tre giorni disposti dagli organizzatori; tutti però, sono accomunati dall’intento educativo ed interattivo dal momento che si richiede il totale coinvolgimento reciproco e lo scambio di idee tra le apposite guide e i gruppi di visitatori.

Il programma offerto dal MADRE è dunque, suddiviso in tal modo:

  • UN SABATO AL MUSEO:  la presenza di un operatore didattico sarà di fondamentale importanza per la scoperta delle mostre in progress del museo e per l’attività di codificazione e comprensione dei linguaggi e dei temi della contemporaneità.                                                                                                                                         Ogni sabato alle ore 11 e alle ore 17.                                                                                                                          
  • MUSEO IN AZIONE: le visite saranno in tal caso, un vero e proprio invito ad avere con l’arte dell’avanguardia un contatto ‘dal vivo’  rivolto a chi vuole sperimentare una pratica performativa.  
    Ogni domenica alle ore 11 e alle ore 17.                                                                                                                    
  • FREEMADRE: i partecipanti saranno chiamati, durante ed in seguito al percorso di visita tenuto con un operatore didattico, a discutere liberamente riguardo posizioni e tematiche del mondo contemporaneo e a condividere la propria esperienza di conoscenza al MADRE.                                                                                       Ogni lunedì alle ore 11 e alle ore 17

Qualsiasi percorso venga scelto, è gradita e consigliata la prenotazione. L’ingresso al museo sarà gratuito soltanto il lunedì, mentre nei restanti due giorni risulterà essere a pagamento.  La partecipazione sarà invece, sempre gratuita fino ad esaurimento posti. 

Il MADRE regala quindi, una grande opportunità che di certo, gli appassionati dell’universo iconografico artistico d’era contemporanea non possono lasciarsi sfuggire.

Per ulteriori informazioni: www.madrenapoli.it

Anna Gilda Scafaro

CONDIVIDI
Articolo precedenteMetano, la produzione passa dall’inorganico
Articolo successivoSchengen: l’Europa a due binari
Laureata in Lettere Moderne presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II, Anna Gilda Scafaro aspira a diventare una buona insegnante e una valida giornalista. Appassionata di scrittura e amante dei libri, nutre un forte interesse per l’Arte in tutte le sue sfaccettature più belle e complicate. Sogna di visitare i più rinomati musei europei e mondiali e di viaggiare alla scoperta delle storie più arcane e affascinanti che si celano nel cuore delle grandi e piccole città. Attualmente scrive per Libero Pensiero News, occupandosi della sezione Cultura.

NESSUN COMMENTO