I disoccupati ”7 Novembre” incontrano la Regione. ”Non possiamo vivere senza reddito ed abbandonati a noi stessi dalla regione e dal Governo”

0
111

NAPOLI – La lotta per disoccupati, lavoratori e studenti a Bagnoli non è mai andata in vacanza.
Qualche giorno fa, dopo quasi un anno di annunci, puntualmente poi disattesi, il Premier, Matteo Renzi ha deciso il nome del Commissario straordinario che secondo le intenzioni dell’ex sindaco di Firenze dovrà ”rilanciare” le sorti del quartiere.
Ma i movimenti, i disoccupati, i lavoratori e gli studenti naturalmente non ci stanno. ”Sblocchiamo noi Bagnoli”, ”Non ci serve il Commissario”, ”Chi ha inquinato deve pagare”.
Questa mattina i disoccupati ”7 Novembre”, insieme al Laboratorio Politico Iskra, ai lavoratori e agli studenti hanno presidiato l’esterno degli uffici della Regione Campania di via Santa Lucia per chiedere, oltre naturalmente alla revoca del Commissario, ”Bonifiche”, ”Lavoro Stabile e Sicuro”, ”Servizi e Spazi Sociale”.

«Basta vogliamo chiarezza. Non bisogna assolutamente ripetere gli sfracelli degli ultimi anni. A parlare è Giovanni Aragri del coordinamento disoccupati ”7 Novembre”. Siamo qui  anche soprattutto per chiedere lavoro, occupazione. Non possiamo vivere senza reddito ed abbandonati quindi a noi stessi dal  Governo e dalla una regione. Nel nostro gruppo (Disoccupati 7 Novembre) c’è gente di 50 anni, ma anche ragazzi di 20 anni. Il nostro è un problema generale che abbraccia tutte le fasce d’età. Siamo qui per opporci a questo scempio. Come disoccupati ci incontriamo tutti i martedì a Bagnoli/Dazio in Villa Medusa alle ore 18.00. Per  iscriversi occorre una fotocopia del documento di identità, del codice fiscale e del centro impiego che attesti la disoccupazione».

Successivamente i manifestanti dopo ore di attesa hanno forzato l’ingresso sotto la regione generando poi una carica delle forze dell’ordine.
Dopo un breve momento di tensione e tafferugli con la polizia i ‎disoccupati‬ “7 Novembre”, sono riusciti a salire in delegazione ricevuti da un responsabile dello staff di De Luca, il quale, preso atto delle richieste ha aperto un tavolo istituzionale con la regione.

Pasquale De Laurentis

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteLINK NAPOLI: “NO AL NUMERO CHIUSO. L’ UNIVERSITÀ DEVE ESSERE SENZA BARRIERE”
Articolo successivoSparatorie al centro storico, vittima un diciassettenne: Napoli nuova Baghdad?
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO