Al via i test a Medicina, Chirurgia e Odontoiatria. Protestano gli studenti

0
69

NAPOLI – Oltre 60mila studenti in tutta Italia, a Napoli più di 5mila hanno tentato, questa mattina, il test per accedere ai corsi di laurea in Medicina e Chirurgia. 9.500 i posti disponibili, addirittura 500 in meno rispetto allo scorso anno.

udutest
Lorenzo Fattori, Coordinatore Udu Napoli

LA PROTESTA DEGLI STUDENTI – «Anche quest’anno – dichiara Lorenzo Fattori, Coordinatore Udu Napoli – ci siamo recati a dare sostegno agli studenti presso le sedi in cui si sono svolti i test di ingresso per medicina e chirurgia e odontoiatria. Abbiamo distribuito le nostre guide per il ‘test sicuro’ e risposto ai loro dubbi. Non intendiamo lasciarci fermare dalla mancanza di risposte da parte del governo: il sistema del numero chiuso è chiaramente al collasso e continueremo a richiedere un forte investimento volto a riaprire l’accesso a tutti gli atenei e a dare a tutti la stessa possibilità di studiare».
Link Napoli – Coordinamento Universitario ha protestato calando uno striscione all’ingresso del complesso di Monte Sant’Angelo ”IL NUMERO CHIUSO NON E’SALUTARE #SENZABARRIERE” ed inscenando un breve flash mob nel quale gli studenti hanno sfondato simbolicamente il muro.
«Come Link – Coordinamento Universitario e Rete della Conoscenza – dice il Portavoce di Link Napoli, Mattia Papa –  abbiamo provato ad attuare in tutte le università del paese una contestazione unitaria nei confronti del numero chiuso e in particolar modo del numero chiuso a medicina per due ragioni principali: sbarrare l’accesso alla formazione per gli studenti dovrebbe prevedere un punto di partenza unitario determinato da un uguale condizione materiale e formativa di tutti  così come si tende a spiegare spesso e volentieri. In secondo luongo riteniamo che quando gli studenti si iscrivono all’università devono poter studiare ciò che vogliono.numero chiuso lik Inoltre esiste un altro grave problema per il nostro paese, fra circa 10 anni il sistema sanitario nazionale perderà 60mila medici e con le nuove specializzazioni che si stanno portando avanti ci saranno circa 40mila occupati neo specializzati, i quali non riusciranno a soddisfare il fabbisogno dell’intera società. La nostra battaglia quindi non è solo culturale, infatti pensiamo che dobbiamo essere tutti uguali e valorizzati per le nostre competenze non parlando di meriti e demeriti, bensì di peculiarità che ognuno di noi ha e devono essere valorizzate per il miglioramento della stessa società»

Tra i presenti anche l’ex massaggiatore del Napoli calcio, Salvatore Carmando il quale si è espresso in maniera contraria all’utilizzo dei test d’accesso all’università.
Parallelamente a Monte Sant’Angelo, anche le matricole dell’Università L’Orientale di Napoli, presso la Mostra D’Oltremare hanno svolto il test d’inglese.

udutest1

Pasquale De Laurentis

CONDIVIDI
Articolo precedente1992-2001: gli anni Novanta
Articolo successivoSalerno, mensa negata a 50 studenti disabili
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO