Adotta una strada è il nome del nuovo progetto promosso dal Comune di Napoli ai fini di tutelare il patrimonio urbanistico della città. L’intento è indubbiamente quello di coinvolgere la cittadinanza alla partecipazione, gestione e salvaguardia del territorio, delle strade e piazze di Napoli.

adotta_una_strada

L’Assessore alle Politiche Urbane Carmine Piscopo e l’Assessore alle Infrastrutture Mario Calabrese hanno presentato un programma molto vasto che prevede una riqualificazione partecipata tra Comune e cittadini a cui si può aderire come singoli cittadini o attraverso comitati civici organizzati che avranno agevolazioni tributarie e che avranno la possibilità di presentare al Comune di Napoli dei progetti che riguarderanno l’area di residenza.

Per gli interventi che prevedono un investimento inferiore ai 15.000€ è possibile stipulare una convenzione tra l’Amministrazione comunale interessata e persone fisiche, giuridiche o cittadini.
Per gli interventi superiori ai 15.000 € è comunque possibile stipulare tale convenzione solo se i cittadini, persone fisiche o giuridiche siano organizzati in comitati civici ad hoc.

Inoltre “il Comune offre agevolazioni fiscali a favore dei privati per gli interventi proposti. Tale contributo, che non potrà superare il 50% del valore dell’intervento approvato dalla Giunta comunale, può essere ripartito anche su più annualità”.

Adotta una strada mira ad una forte opera di sensibilizzazione pubblica dove grandi e piccini potranno comprendere l’importanza della valorizzazione degli spazi urbani e la magnificenza della tutela di un bene a loro caro. Il comune apre ai cittadini e loro stessi potranno lavorare in prima persona al miglioramento delle proprie aree territoriali aumentando la  qualità, la pulizia e il decoro artistico delle strade perché singolarmente tutti possono dare un contributo importante.

Ulteriori informazioni, regolamento e modulistica: Comune di Napoli.

Sabrina Mautone

“il Comune offre agevolazioni fiscali a favore dei privati per gli interventi proposti. Tale contributo, che non potrà superare il 50% del valore dell’intervento approvato dalla Giunta comunale, può essere ripartito anche su più annualità”.

 

 

CONDIVIDI
Articolo precedente“Analfabetismo funzionale” allo Stato di cose attuali
Articolo successivoSpielberg: “I cinefumetti moriranno”
Sabrina Mautone nasce a Napoli il 18 Maggio 1996. Diplomata presso il Liceo Scientifico Niccolò Braucci e laureanda in Lingue, culture e letterature moderne europee alla Federico II. Amante della scrittura, letteratura e fotografia. Vince il premio Librandosi da giovanissima.