Per qualcuno sarà solo un graffito qualunque prodotto da un adolescente bravo nel disegno. Ma a piazza Girolamini di Napoli c’è molto di più di un semplice graffito. È  la cosiddetta, ma sconosciuta “Madonna con la pistola“, opera di  Banksy (rappresenta la Madonna con una pistola al posto dell’aureola e raffigura perfettamente il doppio filo che purtroppo lega la delinquenza e la religione nel capoluogo campano).

Per chi non conoscesse questo personaggio, Banksy è un famoso artista di strada che ha realizzato opere nelle città più famose al mondo. Attività iniziata più meno negli anni ’80, viaggiando e lasciando il segno   in qualsiasi luogo si trovasse. Con la tecnica dello stencil, le sue opere sono state altamente valutate e hanno un valore economico vertiginoso e molte raggiungono le centinaia di migliaia di dollari. Nel 2010 ha anche raccontato il suo lavoro in un docu-film “Exit  Through the Gift Shop”, nominato miglior documentario agli Oscar 2011.

L’artista approda a Napoli, lasciando il segno anche qui: oltre alla “Madonna con la pistola”, in via Benedetto Croce, Banksy ha realizzato una rappresentazione dell’estasi della beata Ludovica Albertoni del Bernini con panino e patatine in mano come critica alla prepotenza del consumismo. Ma cinque anni fa l’opera è stata coperta da un writer napoletano.

Ci resta, quindi solo un’opera  di Banksy, per di più l’unica presente in tutta Italia e adesso rischia di deteriorarsi. Ma un ragazzo di San Giorgio a Cremano, Alessandro Bello, appena diciottenne, ha lanciato una petizione on line su CHARGE.ORG:  “Proteggiamo l’unica opera di Banksy in Italia” che ha già registrato più di 32mila visualizzazioni in meno di due settimane e raccolto 7300 firme.

Nella petizione, Alessandro, chiede che si realizzi una bacheca in vetro al fine di proteggere l’opera da atti vandalici o da probabili danni provocati da intemperie. Il giovane è già avvezzo alla petizione: alla morte di Pino Daniele ne lanciò una affinché si dedicasse una piazza di Napoli al cantante venuto a mancare poco prima, raccogliendo 10mila firme.

L’opera di Banksy ha attirato anche l’attenzione dell’INWARD, l’osservatorio internazionale sulla creatività urbana che ha sede a Napoli e che è impegnato nella valorizzazione della street art. Già da un po’ di tempo si parla di prendere provvedimenti e sulla questione interviene Alessandra Clemente, assessore alle politiche giovanili del Comune di Napoli, dichiarando: “Prolungare la vita di quell’opera è un dovere di noi amministratori, perché la street art, quando è di tale livello, è un vero e proprio bene comune”.

Intanto la Madonna resta lì dove l’artefice ha voluto che stesse chissà quanto tempo fa, ma sempre dotata di una suggestiva attualità.

 

Lisa Zaffinelli

CONDIVIDI

La redazione di Libero Pensiero News è composta da una settantina di collaboratori giovani, talentuosi, belli e intelligenti. Come si fa a non amarli?