Provaci ancora prof 6: addio al bigottismo

0
32
Provaci ancora prof

Non si può certo dire che la nuova serie di Provaci ancora prof non sia stata stravolta totalmente.

Gli equilibri si sono rotti, le storie si sono rimescolate, la vita è diventata più complessa anche per i personaggi della fortunata serie tratta dai libri di Margherita Oggero. Il cambio è stato radicale, talmente forte che anche coloro che si aspettavano da tempo una rivoluzione della storia hanno avvertito il colpo.

Un colpo però positivo, a detta dei migliaia di fan che da mesi assediano i gruppi e le pagine di Facebook in cerca di notizie o solo per dar sfogo alla loro fantasia. Qualcosa di necessario affinché Provaci Ancora Prof continuasse a vivere.
Provaci ancora prof

Qualcuno non è stato però soddisfatto, bisogna giustamente sentire entrambe le campane. Costoro sostengono che le innovazioni tanto promesse, in primis, da Veronica Pivetti, non si siano presentate alla porta della prima puntata di Provaci Ancora Prof. In realtà però, chi critica di Provaci ancora prof proprio questo punto, non capisce che l’innovazione di cui si è tanto parlato non voleva essere un’innovazione a 360 gradi perché è chiaro, il tradimento, una specie di triangolo e gravidanze da tutte le parti sono dei cliché visti molte volte, l’innovazione sta nel fatto che la Prof è mutata al suo interno.

Fino a qualche anno fa era inimmaginabile una trama di questo genere, vuoi per la linea editoriale o vuoi per il “bigottismo”, passatemi il termine, che si suole affibbiare a gran parte dei telespettatori di Rai Uno, cosa per altro poco vera. Provaci ancora prof è cambiata, non lo si può discutere, tanti hanno atteso questo momento, non solo perché innamorati da sempre della coppia non ufficiale della serie, ma perché sentivano il bisogno di vedere qualcosa di nuovo in una storia che da sempre ha rappresentato una vita un po’ utopica, troppo lontana da quella vera.

Provaci ancora prof quest’anno è diventata più aggressiva, volendo esagerare, più sporca, dove con questo termine non voglio alludere a qualcosa di volgare, no, sporca nel senso di scura. Una serie che finalmente mette in luce la famiglia, come aimè siamo abituati a vederla, soprattutto in quest’ultimo periodo, senza la paura di scandalizzare. In realtà, nonostante tutto questo, nonostante la grande diversità dalle serie passate, la Prof mantiene sempre il suo tono di commedia, quest’anno magari a tinte un po’ più nere, ma il sorriso e la risata di gusto è sempre in grado di strapparla.Provaci ancora prof

Un plauso a parte va fatto ai protagonisti di Provaci ancora prof, Veronica Pivetti, Enzo De Caro, Paolo Conticini e tutti gli altri limitatamente al loro ruolo hanno fatto arrivare al pubblico a casa emozioni che in dieci anni di Prof, difficilmente si sono sentite. Non è semplice, seppure il tema sia “banale”, trattare una separazione, nemmeno se questa è per finta. Veronica Pivetti è riuscita, toccando le corde giuste a far quasi sentire in colpa per questo addio, anche i fan più accaniti del Commissario che, almeno in linea teorica, avrebbero dovuto festeggiare già dai primi cinque minuti di serie.

È una stagione che fa riflettere questa, che porta temi importanti, che cerca di rimanere un po’ più attuale, togliendosi di dosso la fama di fiction tutta rosa e fiori. E il pubblico sembra proprio apprezzare questa scelta, visto 5.147.000 di spettatori pari al 22.62% di share. Provaci ancora prof, finalmente, non ha avuto paura di mostrare un altro lato di se, un lato, per l’appunto, innovativo.

Tante sono le novità in serbo anche per la prossima puntata in onda giovedì 17 settembre su Rai Uno. Vedremo il ritorno del piccolo Tommy e l’ingresso di nuovi personaggi, come una cara amica di Camilla coinvolta in un omicidio, ma conosceremo anche un misterioso ex della Baudino, coinvolto probabilmente nel caso. Renzo invece scoprirà che il figlio che Carmen aspetta sarà il tanto desiderato maschietto, mentre Livietta dovrà fare i conti con la voglia di scappare di nuovo a Londra e questa nuova famiglia allargata che le sta crescendo attorno.

Tutti i temi possono essere banali, sta a chi li racconta e a come vengono trattati renderli speciali e innovativi e Provaci ancora prof 6 ha colpito nel segno.

Per rivedere le puntate di Provaci ancora prof e rimanere sempre aggiornati sulle trame, cliccate qui.

Enrica Leone

CONDIVIDI
Articolo precedenteTelomerasi, lo studio dell’immortalità
Articolo successivoUDS: “Inizia la scuola, ma la Buona Scuola non entra!”
Mi chiamo Enrica Leone, sono nata a Lecco. Diplomata con maturità scientifica, ho intrapreso la carriera universitaria presso la facoltà di Giurisprudenza. Entusiasmo, iniziativa e dinamismo mi hanno da sempre spinto ad andare avanti nel lavoro così come nello studio. Adoro scrivere e questa passione mi ha portata ad intraprendere avventure di ogni genere per poter portare a casa interviste ed acquisire il giusto grado di esperienza, per rendere i miei articoli ancora più miei. Una passione che mi ha portata a pubblicare pochi mesi fa il mio primo romanzo: Basta avere coraggio, presso la casa editrice Arduino Sacco Editore. Non smetto mai di rincorrere i miei sogni ed il più delle volte questi diventano i miei obiettivi che cerco in tutti i modo di raggiungere. Alla scrittura, da poco tempo ho affiancato il lavoro di organizzatrice di eventi di beneficenza ed assistenza alla comunicazione. Mi piace il contatto con il pubblico. A detta di chi collabora con me, sono una persona estremamente precisa, metodica e puntuale. Attenta affinchè il compito affidatomi possa venir portato a termine nel miglior modo possibile e nel tempo necessario. Amo il cinema, la televisione (quella di qualità) e tutto ciò che ha a che fare con lo spettacolo ed è questo ciò di cui mi occupo.

NESSUN COMMENTO