Liceo Kant: la Città metropolitana concede gli arredi solo per 3 aule della nuova sede succursale

0
40

MELITO DI NAPOLI – «Noi avanziamo richieste alla Città metropolitana, ma ad oggi nessuna risposta». Così si esprimeva, questa mattina, il Dirigente Scolastico del Liceo Kant di Melito di Napoli, Prof.Vincenzo Spina sul ”caso” del mancato arredamento della nuova sede succursale concessa in commodato d’uso gratuito dall’amministrazione comunale di Melito.

Il Preside prosegue: «A Marzo mi è stato consegnato il nuovo edificio. A tutt’oggi mancano ancora banchi e sedie. Siamo una pubblica amministrazione e l’attuale Consigliere Pace c’entra ben poco. Sono diversi anni, infatti che avanziamo richieste. Esiste un diritto costituzionale che è il diritto allo studio ed in qualche modo bisogna pur fare. Con la manutenzione dell’edificio come scuola siamo costretti a comprare noi i materiali perchè la ditta è in crisi e ci offre solo mano d’opera. Il problema nostro è che l’organo competente è la Città metropolitana ed io potrei essere anche denunciato alla Corte dei Conti perchè se effettuo una spesa del genere ”distraggo” dei fondi pubblici».

L’augurio del Preside: «Spero che la situazione si risolva ben presto, altrimenti con l’avallo del Consiglio d’Istituto compreremo noi questi arredi e successivamente scriverò all’avvocatura dello stato perchè si rifaccia sulla Città metropolitana. Sono loro l’organo competente.
Sono convinto – conclude – che con i 16 milioni di euro stanziati dalla Città metropolitana la soluzione arriverà perchè gli studenti attualmente effetuano rotazioni; siamo costretti ad utilizzare anche i laboratori deteriorandoquindi  i materiali.

Per fortuna la situazione sembra però rientrata, almeno parzialmente come spiega a Libero Pensiero News, l’Assessore alla Pubblica Istruzione del comune di Melito, Dominique Pellecchia:« Al Kant saranno allestite 3 aule a fronte delle 5 da allestire, come richiesto dal Preside.
Personalmente – prosegue l’Assessore – considero un passo importante questa piccola “vittoria” e mi rendo anche conto dei numerosi tagli con cui di volta in volta gli Enti devono fare i conti, dunque mi ritengo piuttosto soddisfatta di questa notizia».
Poi la precisazione importante : «Ci tengo però a precisare che le scuole di provincia non sono di serie b, così come gli studenti che scelgono di studiare in un liceo non-di-Napoli. Il diritto allo studio deve essere garantito a tutti gli studenti, indipendentemente dalla loro residenza o dal liceo che frequentano. Melito è un comune che spende molto per la cultura: sia la struttura centrale che la succursale sono di nostra proprietà e ci occupiamo noi della manutenzione (non ultimi i 40 mila euro spesi per la succursale). Credo che la città metropolitana dovrebbe tenere in maggiore considerazione gli sforzi che l’Amministrazione compie per garantire ai propri studenti strutture adeguate per il loro benessere, per garantire loro di crescere in ambienti sani e soprattutto il loro diritto allo studio».

Pasquale De Laurentis
@pasqdelaurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteRete della Conoscenza: “Apriamo scuole ed università all’accoglienza”
Articolo successivoIntervista con Valentina Bia: ”I licei classici in crisi per colpa dei test d’ingresso universitari”
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO