Tableaux Vivants: a Napoli prende vita l’Arte di Caravaggio

0
135
Tableaux Vivants al Museo Diocesano
Tableaux Vivants al Museo Diocesano

Al Museo Diocesano di Napoli, l’Arte sta prendendo letteralmente vita, esalando i suoi respiri più intensi e profondi mediante l’intreccio inestricabile di corpo e spirito:

La scorsa domenica, presso lo storico complesso monumentale partenopeo, è stata difatti inaugurata una programmazione scenica dal fascino inconsueto che si propone di presentare l’operato artistico di Caravaggio tramite i cosiddetti ‘Tableaux Vivants’, quadri viventi che talentuosi attori allestiranno durante i prossimi quattro imperdibili appuntamenti.

Tableaux Vivants- Caravaggio

Si tratta in verità, di un progetto già altamente sperimentato,concepito nell’ormai lontano 2006 e che anno dopo anno, è maturato tanto da catalizzare l’attenzione di un pubblico di spettatori piuttosto vasto, il quale si ritrova ogni volta, dinnanzi a un gruppo di giovani professionisti capace di toccare significativamente la complessa sfera sensiorale ed emotiva del pubblico stesso.

In tal caso, saranno 23 tele del Merisi ad essere animate dal soffio vitale degli otto artisti di scena: i Tableaux Vivants riprodurranno alla perfezione i quadri caravaggeschi, appellandosi oltre che alla bravura degli attori anche all’utilizzo ,davvero efficace, di oggetti d’uso quotidiano e di stoffe sapientemente drappeggiate grazie alle quali il realismo delle opere del pittore, così come delle rappresentazioni live, potrà essere pienamente inneggiato.

Una cura attenta e particolare verrà certamente riservata agli affascinanti giochi di luci ed ombra che campeggiano nelle tele del Caravaggio e che verranno riproposti con disarmante verosimiglianza: sarà la luce infatti, a ricreare l’originale pathos dei dipinti, essendo essa l’elemento determinante la fruizione da parte dello spettatore delle molteplici sensazioni sprigionate dai corpi in azione.

Il momento saliente di rappresentazione e concretizzazione dei Tableaux Vivants sarà reso ancor più suggestivo dall’accompagnamento della melodia classica delle musiche di Mozart, Vivaldi, Bach e Sibelius : dunque, i sensi del pubblico presente verranno senza ombra di dubbio,travolti dalla fusione delle più alte forme artistiche che si affiancano in una summa creativa ineguagliabile.

I quattro appuntamenti previsti si terranno nelle date del 27 settembre, 11 e 25 ottobre e 8 novembre, durante tre sessioni differenti d’orario, ossia 10.30, 11.30, 12.30 dei medesimi giorni. Il biglietto d’ingresso allo spettacolo dei Tableaux Vivants sarà tra l’altro valido anche per la visita del Museo Diocesano, della chiesa Barocca di Donnaregina Nuova e di quella Gotica di Donnaregina Vecchia.

In occasione della festa di San Gennaro, il giorno 20 settembre alle ore 11 si terrà ,sempre presso il Museo Diocesano, ‘Salvi per Miracolo’ , un piccolo spettacolo organizzato dagli stessi interpreti dei tableaux caravaggeschi. Eccezionalmente, la partecipazione alla performance sarà gratuita.

Di sicuro, ci sarà da emozionarsi : i Tableaux Vivants sono l’incantevole dimostrazione che l’Arte si nutre di Vita e la Vita di Arte.

Prezzo del biglietto: intero 8 €, gratis fino ai 6 anni, 4 € per i visitatori dai 7 ai 18 anni.

Per ulteriori informazioni: www.museodiocesanonapoli.com

Anna Gilda Scafaro

CONDIVIDI
Articolo precedenteUnione degli Universitari: vogliamo risposte concrete dall’università Sapienza
Articolo successivoRETE STUDENTI: gli sforzi contro le discriminazioni nelle scuole
Laureata in Lettere Moderne presso l’Università degli Studi di Napoli Federico II, Anna Gilda Scafaro aspira a diventare una buona insegnante e una valida giornalista. Appassionata di scrittura e amante dei libri, nutre un forte interesse per l’Arte in tutte le sue sfaccettature più belle e complicate. Sogna di visitare i più rinomati musei europei e mondiali e di viaggiare alla scoperta delle storie più arcane e affascinanti che si celano nel cuore delle grandi e piccole città. Attualmente scrive per Libero Pensiero News, occupandosi della sezione Cultura.

NESSUN COMMENTO