Eventi gratis a Napoli per San Gennaro. Ecco quali

0
60
San Gennaro

San Gennaro è il santo patrono della città di Napoli. Tanto negli ultimi giorni se ne è parlato, anche per il magnifico murales di Jorit , ritraente il ”San Gennaro operaio” sul muro della piazzetta di Forcella. Nota è nel mondo la valenza del miracolo della liquefazione del sangue dello stesso santo, conservato all’interno del Duomo del capoluogo campano.

papa-san-gennaro
Papa Francesco con il Sangue di San Gennaro nell’ultima visita a Napoli

Per chi non conosce i dettagli di questo avvenimento: il Miracolo di San Gennaro avviene 3 volte l’anno, la prima il primo sabato del mese di maggio in memoria dello spostamento delle reliquie da Pozzuoli alla definitiva destinazione del Duomo, la seconda data è il 19 settembre in memoria del giorno in cui il santo fu decapitato, e in ultima data il 16 dicembre ovvero quando ricorre l’anniversario dell’eruzione del Vesuvio. Difatti, la leggenda racconta che San Gennaro fermò la discesa della lava pregando a mani aperte. Tante le superstizioni legate a questo miracolo, si dice che nel 1980 la liquefazione non avvenne e fu l’anno del terremoto che sconvolse gran parte della Campania.

Quest’anno il comune di Napoli ha deciso di celebrare San Gennaro con una serie di eventi che si susseguiranno nei prossimi giorni, anche di sera.

COME SCRITTO SU FANPAGE.IT 

Tutti gli eventi saranno a ingresso gratuito. Gli eventi partiranno stasera e termineranno il prossimo 9 ottobre. Di seguito riportiamo il programma completo dell’iniziativa.

18 settembre: alle 21.00 al Museo Diocesano in Largo Donnaregin: Enzo De Caro e Angelica Sepe si esibiranno in L’oro di Murolo, spettacolo scritto e diretto da Enzo De Caro.

san-gennaro-diario-partenopeo-660x375
Festa San Gennaro

19 settembre: dalle ore 12.30 sul Lungomare di Napoli in via Caracciolo si svolgerà l’iniziativa a cura dell’Unitalsi “A caccia di sorrisi, Giochi, festa e sport, Urban game per l’inclusione sociale”. Alle 19.30, sul sagrato del Duomo, nel cuore del centro storico andrà in scena la performance “Suoni e ritmi da lontano” Concerto dei “Top Side”. Alle 21.00, a pochi passi dalla cattedrale al Museo Diocesano, sarà il momento dello spettacolo “Sangue Vivo Musical” di Salvatore Sorrentino, a cura dell’Associazione Musica Città di Napoli, S. Vincenzo Pallotti, Officine Spettacoli.

20 settembre: la giornata avrà inizio di buon mattino con sul Sagrato del Duomo con “Corri per San Gennaro Gara podistica per le strade di Napoli” alle 8.30 . Alle 11.00 al Museo Diocesano andrà in scena “Salvi per miracolo” Performance del Gruppo dei Tableaux Vivants, per la regia di Ludovica Rambelli.

21 settembre: alle 19.30 Sagrato del Duomo, si svolgerà l’iniziativa Sapori di ieri col gusto di oggi a cura degli Istituti Scolastici Superiori di Napoli. “I.P.S.E.O.A. Duca di Buonvicino”, “I.S.I.S. Isabella D’Este” e Liceo Scientifico Statale Sbordone.

22 settembre: alle 19.00 al Museo Diocesano si terrà il concerto del Teatro San Carlo Voci bianche e coro giovanile, per la regia di Stefania Rinaldi.

23 settembre: alle 19.00, sempre al Museo Diocesano il coro giovanile del Teatro San Carlo si esibirà in una speciale performance per la regia di Carlo Morelli.

24 settembre: alle 21.00 al Museo Diocesano la Coopertiva Le Nuvole, Peppe Servillo & Solis String Quartet porteranno in scena “Spassiunatamente”, omaggio alla canzone classica napoletana.

tesoro-di-san-gennaro-380x240

25 settembre: alle 21.00 sul sagrato del Duomo avrà il via il San Gennaro Day, presentato da Gianni Simioli. Si tratta del conferito a esponenti dell’imprenditoria, della musica e della cultura del Mezzogiorno. Dalle 20.30 alle 23.00 una vera e propria maratona di suoni, emozioni e grandi momenti di spettacolo dove ognuno dei premiati infatti, regala sempre un piccolo grande contributo alla “festa di San Gennaro”.

26 settembre: alle 19.30 sul sagrato del Duomo le bande musicali di “Canta, suona e cammina” si esibiranno in un concerto,  a cura di Scabec.

9 ottobre: alle 20.00 al Duomo andrà in scena il Concerto del Teatro San Carlo.

Pasquale Rosolino

NESSUN COMMENTO