King Kong distrugge Pacific Rim 2

0
71
King Kong contro Godzilla.
Vedremo presto nelle sale l'epico scontro tra King Kong e Godzilla?

Nell’eterna lotta tra robottoni e mostri, a quanto pare, non sono i primi a vincere, ma i secondi: e quei mostri sono King Kong e Godzilla.

Secondo un articolo del The Hollywood Reporter, infatti, la Legendary Pictures avrebbe spostato la produzione del film Kong: Skull Island dalla Universal alla Warner Bros. Il motivo? Creare una tetralogia che comprenda i film di King Kong e Godzilla compreso l’epico finale in cui i due mostroni si trovano faccia a faccia per dar vita al blockbuster finale: un epico scontro (o alleanza?) tra due enormi simboli del cinema mondiale, un King Kong contro Godzilla in salsa Hollywood.

Sicuramente la Warner e la Legendary saranno entusiasmati di questa nuova unione, da cui non possiamo aspettarci altro che incassi da record. Ma c’è qualcuno che non gioisce affatto di queste news e quel qualcuno è Guillermo del Toro. Infatti, la Legendary, dovendo promuovere questi due enormi franchise, ha deciso di tagliare un altro blockbuster che sarebbe dovuto arrivare nel 2017, Pacific Rim 2. Per chiunque volesse gustare di nuovo le atmosfere del primo Pacific Rim dovrà aspettare ben più a lungo di due anni, tenendo in conto che forse il progetto non vedrà mai la luce.

La verità dei fatti è, dopotutto, inequivocabile: King Kong e Godzilla sono potenzialmente più appetibili e lucrativi di quanto non lo sia Pacific Rim. Basta vedere i risultati al box office per notare che il Godzilla del 2014 e il King Kong di Peter Jackson del 2005 hanno guadagnato entrambi almeno 100 milioni di dollari in più dei robottoni di del Toro.

Ma qual è il problema di Pacific Rim? Essenzialmente uno: la debolezza di Pacific Rim è che i Jaegers non sono King Kong e i Kaiju non sono Godzilla.  Il film, per quanto citazionista, si sforza di essere originale e questa originalità non è premiata, anzi: essa è un enorme difetto in un sistema dominato dai grandi franchise.

Davide Romano

NESSUN COMMENTO