Dall’ultimo rapporto della Guardia di Finanza sui danni all’erario è emerso che la corruzione dei dipendenti pubblici sia costata all’Italia circa 3 miliardi di euro solo nei primi sei mesi del 2015, ossia tra il 1 gennaio e il 30 giugno.

Le Fiamme Gialle hanno preso in esame i vari settori della Pubblica Amministrazione ed hanno segnalato alla Corte dei Conti 4825 dipendenti pubblici nella speranza che restituiscano il denaro sottratto allo Stato.

I casi riportati sono 1290 e sono aumentati del 13% rispetto al 2014. I reati vanno dalla corruzione alla concussione, passando per la truffa, le turbative d’asta e l’abuso d’ufficio, ma non mancano casi di “inerzia e incapacità”.

Dal rapporto sono emersi, inoltre, i settori più a rischio. Il primo è quello riguardante la gestione degli immobili pubblici, che arriva addirittura ad essere un costo per lo Stato invece che un guadagno. Alcuni immobili vengono dati in affitto a cifre bassissime oppure gratuitamente: a Roma il Comune ha affittato case di sua proprietà a 7 euro al mese ed una casa popolare era stata data in “pagamento” per i voti alle elezioni. In alcune città e pesi le amministrazioni locali “si dimenticano” le tasse sugli immobili: è il caso di Bolzano, che non ha ritirato la Tosap (tassa sull’occupazione del suolo pubblico).

L’altra macchia nera della Pubblica Amministrazione è la Sanità, da sempre in stato di osservazione. Nel giro di sei mesi gli arresti e le denunce hanno superato le 2000 unità causando un danno all’erario di 6 milioni di euro. Il caso che ha suscitato maggiore scalpore è l’ospedale di Gallarate (VA), che ha dato in gestione la manutenzione a una società esterna: da contratto i costi dovevano aggirarsi intorno ai 16 milioni, ma poi sono lievitati a 35.

Infine c’è il problema della gestione fondi e soldi pubblici da parte dei dipendenti. Il fatto più eclatante è quello che vede protagonista un dipendente pubblico di Catanzaro in pensione riuscito a farsi riassumere intascando 700mila euro non dovuti. A causa degli scarsi controlli chi è inserito nella Pubblica Amministrazione può muoversi facilmente nei meandri della burocrazia e aggirarla. La corruzione va fermata: urgono maggior rigore e le giuste misure per farlo.

Vincenzo Nicoletti

CONDIVIDI
Articolo precedenteNapoli, Zona Teatro Naviganti. Ecco gli spettacoli dal 2015 al 2016
Articolo successivoPozzuoli riscopre il Rione Terra

Vincenzo Nicoletti nasce l’11 dicembre 1994 a Vallo della Lucania e si trasferisce con la famiglia a Brescia dove attualmente vive. Da sempre appassionato di lettura, viaggi, diritti umani e ambiente ha sviluppato una forte curiosità per il mondo che lo circonda nelle sue molteplici sfaccettature. Collabora con Libero Pensiero News come coordinatore della sezione Scienza.