Baratto amministrativo: via libera dal comune di Albanella

0
80

Che cos’è il baratto amministrativo? E’ un atto di cessione di manodopera che permette a chi ha difficoltà economiche di pagare le tasse occupandosi di lavori socialmente utili.

baratto-amministrativoL’esperimento, contenuto nel decreto Sblocca Italia (all’art.24 della legge 164/2014 afferma infatti che “i Comuni possono definire con apposita delibera i criteri e le condizioni per la realizzazione di interventi su progetti presentati da cittadini singoli o associati, purché individuati in relazione al territorio da riqualificare. Gli interventi possono riguardare, come detto, la pulizia, la manutenzione, l’abbellimento di aree verdi, piazze, strade ovvero interventi di decoro urbano, di recupero e riuso, con finalità di interesse generale, di aree e beni immobili inutilizzati, e in genere la valorizzazione di una limitata zona del territorio urbano o extraurbano”), ha avuto un grande successo nei piccoli centri e da qualche giorno è arrivato anche a Milano, riservando la possibilità di partecipare a coloro che possiedono un reddito inferiore ai 21mila euro.

Ad Albanella arriva il via libera dell’amministrazione comunale; lo ha annunciato l’assessore Vairo che ha già anticipato la volontà del Comune di redigere un Regolamento Comunale.

Con grande soddisfazione da parte Partito Socialista:

È interesse comune salvaguardare le famiglie albanellesi che vivono in condizioni di disagio socioeconomico ed è per questo, che all’indomani delle dichiarazioni fatte dall’Assessore Rossella Vairo, chiediamo all’Amministrazione, con nota protocollata al Comune, di considerare l’istituzione di un tavolo tecnico o di una consulta socioeconomica, come sancito dal vigente Statuto Comunale, con chi opera costantemente vicino alle fasce più deboli. Coinvolgere le associazioni di volontariato, le organizzazioni sindacali e gli operatori del terzo settore in generale presenti sul territorio che assistono i cittadini che versano in gravi condizioni economiche e sui cui grava l’eccesivo peso fiscale, darebbe un notevole contributo per la stesura del Regolamento. Un tema sociale così importante e delicato, come nel caso specifico -ha precisato in conclusione – richiede la massima attenzione, responsabilità e sensibilità da parte di tutti i soggetti che concorrono alla risoluzione di tali problematiche in uno spirito di massima condivisione e unità. (Diego Rufo, Psi)

Sara C. Santoriello

CONDIVIDI
Articolo precedente“Back to the style”: a Bagnoli arrivano writers da tutto il mondo
Articolo successivoUno Spider-Man 15enne per Marvel
Rappresentante degli studenti nel Consiglio Didattico di Scienze Politiche all'Università degli studi di Salerno (2015-2017). Consigliere del Forum dei Giovani di Cava De' Tirreni. Membro della Direzione Nazionale dell'Unione Degli Studenti (biennio 2014-2016). Esecutivo di Link Fisciano (2016-2018). Segretaria della CPS (biennio 2011-2013). Reporter per AsinuPress e LiberoPensiero.

NESSUN COMMENTO