Intervista con Alberto Irone: ”Il Governo faccia una legge nazionale sul diritto allo studio”

0
51

ROMA – Venerdì 9 Ottobre torneranno a riempire le piazze gli studenti di tutt’Italia, per la prima grande mobilitazione autunnale contro la Buona Scuola e la legge 107. In piazza, al fianco degli studenti anche i lavoratori e le lavoratrici della FLC – CGIL.
Abbiamo intervistato il portavoce nazionale della Rete degli Studenti Medi, Alberto Irone.
Di seguito l’intervista completa:

Another brick for tue future è lo slogan che avete scelto per la data di mobilitazione studentesca del 9 ottobre
Si lo slogan della nostra mobilitazione è “anotherbrickforthefuture” che con “Abbattiamo i muri, costruiamo il futuro” intende dare un messaggio molto preciso: non ci rassegniamo all’idea che i muri, siano le leggi sulla scuola come la Buona Scuola, o i muri fisici che vengono costruiti in tutta Europa per impedire un’integrazione necessaria. Crediamo che l’istruzione sia il tassello più importante per abbattere le diseguaglianze, e costuire un futuro per tutti

Al Revolution Camp avete ospitato il Ministro Giannini. Cosa vi ha detto?
Al ministro abbiamo chiesto senza alcuno sconto, inchiodandola alle sue molte responsabilità, come fosse stata fatta questa pessima riforma d’istruzione e come la politica intenderà rispondere alle rivendicazioni, inascoltate, che abbiamo portato nelle piazze da anni. Ci ha promesso dei tavoli di confronto, che sono stati attuati, ma nei quali permangono grandi distanze tra quello che chiediamo e quanto è disposto ad attuare il Ministero. Un esempio su tutti la discussione sullo Statuto degli Studenti e delle Studentesse in Stage

IRONE
nella foto, Alberto Irone

Si parla tanto del potere dei presidi.
Alcuni però sostengono addirittura il contrario, cioè che il loro ruolo con la nuova riforma sia indebolito …
Il ruolo dei presidi è stato sicuramente rafforzato con l’approvazione della riforma. Questo è frutto di un pensiero, che contestiamo: la scuola come luogo in cui le responsabilità non sono collettive, ma puramente individuali. Per noi significa arretrare ulteriormente verso un modello di scuola efficentista e aziendalista. Senza tenere presente un’altra questione, sollevata da pochi: chi controlla i controllori, ossia i presidi? In Italia non esiste un corpo di ispettori nazionale, come accade invece in Francia, che si possa definire tale

Il 9 ottobre saranno al vostro fianco anche i lavoratori della FLC -CGIL.
Quant’è importante per il paese la presenza del sindacato in piazza?
Il Sindacato ricopre una funzione insostituibile nelle democrazie: la sua presenza nelle piazze è importante, in piena solidarietà con i tanti momenti di comune mobilitazione dello scorso autunno. Sono in piazza con noi per il nostro futuro. Solo il governo crede che disintermediando le relazioni con i corpi intermedi si possano ottenere risultati concret

Un’istruzione #buonaxdavvero e alternativa all’attuale legge 107, in che modo?
Con due idee semplici ma forti: riforma dei cicli e innalzamento dell’obbligo scolastico a 18 anni. E con la legge nazionale sul diritto allo studio, che va pienamente finanziata

Pasquale De Laurentis
@pasqdelaurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteUDU : nuovi sviluppi sull’emergenza ISEE
Articolo successivoCrescita: il Governo esulta, ma m5s non ci sta
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO