Iskra Aversa: il lavoro all’ex manicomio la Maddalena

0
70
iskra

Aversa – Il Laboratorio Politico Iskra – La Scintilla Agro Aversano, è impegnato a costruire insieme agli ideatori (Chille De La Balanza – San Salvi città aperta, Teatro Periferico) l’evento “Case Matte”, per la memoria degli internati nelle strutture manicomiali e per gli spazi che ne racchiudono i ricordi.

A sette mesi dall’occupazione dell’Ex Falegnameria nella Maddalena (tra le più antiche strutture manicomiali d’Italia) e dall’autogestione di questa dal basso, cogliamo nuovamente l’occasione per ribadire qual è la nostra volontà: sottrarre alla malapolitica e al malaffare la possibilità di applicare la Legge “Sblocca Italia” emanata dal Governo Renzi (ennesimo strumento per lo sfruttamento dei territori) e cedere così circa 17 ettari di suolo pubblico dell’Agro Aversano alla privatizzazione, assecondando le logiche del profitto e del Capitalismo.

Se la malagestione dei partiti e delle istituzioni hanno avallato queste politiche dettate dal governo nazionale, noi continueremo a lottare per invertire questi principi, ribadendo che sui territori devono cominciare a decidere le fette maggiormente colpite da questo sistema di potere.

Alle manovre di profitto dei singoli privati noi opponiamo l’autogestione quotidiana  degli spazi dell’ex manicomio, valorizzando l’ex falegnameria e rendendola un posto ad uso pubblico, dove organizzare eventi e corsi di carattere sociale, politico, culturale, sportivo, ricreativo.

Nostro intento è anche quello di preservare la memoria storica di questi spazi e provare a contestualizzare la memoria degli ex internati, dei “pazzi”, degli esclusi, emarginati perché incompresi e quindi dei tanti “oppressi” che il complesso manicomiale della Maddalena negli anni ha recluso, lottando contro uno Stato oppressore, che dagli anni della Legge Basaglia ad ora ha soltanto trasformato le forme di repressione senza concretamente abbattere le differenze culturali, etniche, sociali, e che invece sono funzionali alle contraddizioni dettate dalla classe dominante.

Ad oggi lavoratori, disoccupati, immigrati, studenti, precari pagano il prezzo della crisi del capitale e per questo è necessario tornare a decidere sui nostri territori. Vogliamo costruire un’alternativa alla precarietà sociale con la lotta, e garantire lavoro stabile e sicuro.  Vogliamo rivendicare quei servizi come il trasporto pubblico e la sanità, oramai ridotti all’osso a causa dei tagli del Governo Renzi che, in linea con i Governi precedenti e le politiche di austerità inflitte dalla Troika, senz’altro rappresenta gli interessi  del grande capitale.

Laboratorio Politico Iskra – La Scintilla – Agro Aversano

NESSUN COMMENTO