Tribunale di Salerno: cambio di identità senza intervento

0
30

10917076_821705824582210_1373223017688595514_nA sancirlo è una recente sentenza indetta dal Tribunale di Salerno, grazie alla quale l’architetto capaccese Ottavia Voza (presidentessa dell’associazione Arcigay di Salerno) potrà definirsi ufficialmente donna, anche se non si è ancora sottoposta al delicato intervento chirurgico.

E’ stato il giudice Giuseppe Fortunato a concederle, dopo anni di battaglie, il cambio di identità. Un matrimonio e due figli alle spalle per colei che da ora potrà essere semplicemente Ottavia, una donna libera, adesso anche nei confronti della legge e dello stato italiano.

Una speranza che tutto ciò potesse essere reale è partita il 21 luglio di quest’anno. Una storica sentenza del Tribunale di Cassazione, infatti, ha espressamente consentito a chiunque non senta di appartenere al proprio sesso, di cambiarlo all’anagrafe, anche senza ricorrere alla chirurgia plastica. Questo in nome del diritto all’identità personale e all’identità psico-fisica dell’interessato.

La questione è estremante delicata, e lascia non poco spazio alle polemiche di chi è categoricamente contrario al transessualismo e al mutamento di identità.                                                 trans_sentenza_cassazione1

Il termine transgender, divenuto ormai di uso comune e spesso utilizzato in senso erroneo, sta ad indicare la negazione del principio di dualità, secondo il quale in natura esistano solo due generi, quello maschile e quello femminile. C’è chi si oppone a quella sentenza proprio in nome di tale principio, sostenendo che non sia umanamente giusto cambiare quella che è la “natura” della persona. Altri invece sostengono che ognuno debba avere il diritto di essere ciò che desidera, a prescindere da tutto.

Il problema di fondo sembra essere causato dalla disinformazione, dalle false credenze popolari e dall’omofobia, vera e propria piaga della società attuale, che si fa portavoce di diritti di giustizia e uguaglianza nei confronti della legge, eccetto che per una “categoria” di persone, ingiustamente discriminata. A tal proposito la Rete Della Conoscenza Salerno ha preferito inaugurare la propria stagione di eventi, azioni e mobilitazioni attraverso un’assemblea pubblica dal titolo Riconversione – EXPRESS YOURSELF!, che si terrà lunedì 12 Ottobre alle 17.30 in Piazza Abbro, Cava de’ Tirreni, con i ragazzi de Dell’Unione Degli Studenti – Cava De’ TirreniQui ci si ritroverà a discutere dei disagi causati dall’omofobia e dalla diffusione di una bufala in merito all’ideologia gender, trasmessa da alcuni gruppi neofascisti e di cattolici integralisti

“Inizialmente si è partiti dall’importanza di educare i bambini ai sentimenti e a contrastare gli stereotipi di genere, la violenza sulle donne ed il bullismo (anche quello di tipo omofobico), per poi arrivare ad arricchire questa teoria con contenuti sempre più spaventosi, volgari e sbagliati, cambiandola radicalmente”

Questo il tema principale dell’incontro, nonché argomento di forte attualità.

Maria Iemmino Pellegrino

CONDIVIDI
Articolo precedenteDa Marino ai Marò, si salvi chi può
Articolo successivoLa morte del contratto nazionale (e del sindacalismo)
Diplomata al liceo classico G.B. Vico di Nocera Inferiore, da poco studentessa all'Università degli Studi di Salerno presso la facoltà di Scienze della Comunicazione. Amo il cinema e la musica, la scrittura e la lettura, ma la mia più grande passione è lo sport.

NESSUN COMMENTO