Vivi Basket: al di là del risultato

0
155
vivi basket

Seppur la pallacanestro napoletana non ha un palmarès di tutto riguardo è stata comunque sempre presente in questa disciplina sportiva. Nell’ultimo decennio, a partire proprio dall’unica affermazione in ambito nazionale, vittoria della Coppa Italia nel 2006, quello che doveva essere un trampolino di lancio verso ulteriori traguardi, si è rivelato l’inizio di una clamorosa debacle, culminata con la quasi definitiva sparizione dal basket nazionale. Più volte si sono succedute nuove figure e strutture dirigenziali alla guida degli ultimi baluardi della storica Partenope Napoli ma senza mai darne un seguito concreto; nonostante tutto la pallacanestro a Napoli non è morta.

Vivi Basket: la rinascita della pallacanestro a Napoli

Logo Megaride Basket Napoli

La nostra attenzione cade su un gruppo di persone che ha sempre creduto nel binomio Napoli-Basket, questa nuova realtà si chiama Megaride Basket Napoli e sorge nell’ambito del programma Vivi BasketNonostante la carenza di impianti ed infrastrutture, la Megaride Basket sostiene i su oi match casalinghi sul parquet del Centro Polifunzionale di Soccavo. E’ iscritta al Campionato Nazionale di Serie C di basket e conta di far acquisire la giusta esperienza ai propri atleti data la loro giovane età; tra le sue fila la Megaride Basket annovera tutti ragazzi nati tra il ’98 e il 2000.

Campo da basket al Centro Polifunzionale di Soccavo
Campo da basket al Centro Polifunzionale di Soccavo

       Megaride Basket – Basket Sarno: la partita

Tabellone con risultato
Tabellone con risultato

La squadra ospite, essendo più attrezzata tecnicamente/tatticamente e schierando tra le sue fila giocatori dotati di maggiore esperienza, ha imposto il proprio gioco già dalle prime fasi dell’incontro portando a casa la vittoria. Nota positiva per i ragazzi della Megaride è stata la grande voglia di mettersi in luce grazie ad uno spirito combattivo degno dei più grandi campioni. Il risultato finale di 51-104 è andato a favore della squadra ospite ma ciò che conta più di tutto è la passione che hanno profuso questi giovani ragazzi insieme a chi li guida in questa nuova avventura, ponendo le giuste basi per affrontare un futuro che, valutate le attuali prospettive, potrà garantire delle buone certezze.

Fonte immagine in evidenza: foto propria

Fonti immagini media: foto proprie / google.it

Eugenio Fiorentino

CONDIVIDI
Articolo precedenteBlack Mass e i più grandi gangster cinematografici
Articolo successivoEugenio Montale:ancora di salvezza della Poesia
Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto. Ho frequentato le scuole presso l'istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all'istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt'ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale. Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico. Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l'ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.

NESSUN COMMENTO