Intervista con Mario Coppeto: ”De Magistris deve impegnarsi nel costruire la sinistra”

0
31

Mario Coppeto in un’ intervista ESCLUSIVA rilasciata ai microfoni di Libero Pensiero News affronta la ”questione Mercatino dell’Antignano”, fa un bilancio del suo mandato da presidente della V Muncipalità e traccia le linee del futuro della sinistra a Napoli.
Ecco l’intervista:

Si parla tanto della costruzione di un parcheggio che andrebbe a sostituire il famoso Mercatino dell’Antignano. Cosa pensa?
Il tema dei parcheggi nella città di Napoli è un tema molto complesso che risale a 20 anni fa. Già prima dell’avvento del sindaco Iervolino, il comune di Napoli approvò il piano urbano parcheggio con una delibera del novembre 1998, in cui si disciplinava la costruzione dei parcheggi pertinenziali per il ricovero dei cittadini e di scambio per le ragioni di funzione. Durante la Giunta Iervolino tutto il lavoro che aveva una serie di rallentamenti fu commissariato dal Presidente del Consiglio dei Ministri nella persona dello stesso sindaco Iervolino. Furono costruiti una serie di parcheggi che ci hanno consentito di effettuare lavori espansivi della superficie pedonalizzando diverse aree. Il commissariato straordinario emise un bando rivolto alle imprese alle associazioni e alle coperative per la realizzazione dei parcheggi. Il bando se lo aggiudicò un’impresa coperativa di cittadini residenti.
Successivamente la città di Napoli cambia amministrazione ed arriva il sindaco De Magistris, il quale si oppone alla realizzazione dei parcheggi in itenere con apposita delibera. I cittadini della coperativa di piazza degli Artisti ricorrono quindi al Tar e il Tar da ragione ai ricorrenti. L’amministrazione, non contenta ricorre al Consiglio di Stato che ridà ragione ai ricorrenti. Nel frattempo l’amministrazione De Magistris, però approva ed emana il permesso di costruire per la realizzazione del parcheggio di piazza Leonardo, per cui è evidente che i cittadini non capiscono perchè in un posto si e in un altro no. Resta il fatto che noi, come V Municipalità abbiamo chiesto nell’Aprile scorso, di fare una verifica sul reale fabbisogno della costruzione di nuovi parcheggi.
Ora con il Consiglio di Stato che ha dato dato ragione ai ricorrenti, l’amministrazione comunale è obbligata a sottoscrivere la convenzione e dare il permesso di costruire o spiegare le  motivazione per le quali non è d’accordo, ma questo esporrebbe il comune a pagare eventuali indennizzi. In ogni caso nessuno ha detto che il mercato verrà tolto, bensì sarà dislocato nelle vicinanze nel tempo di realizzazione del parcheggio. Mi batterò all’infinito se la realizzazione del parcheggio dovesse creare danno agli esercenti o ai cittadini.

Qual è, oggi il compito di una Municipalità?
Il problema economico riguarda l’intera amministrazione comunale. Poi esistono le pratiche e le politiche. Durante la mia esperienza decennale di consigliere comunale ho lavorato anche alla realizzazione del nuovo regolamento delle municipalità. Ho sperato, insieme anche ad altri consiglieri comunali al nuovo ruolo che le municipalità dovevano avere. Per tanto, ci siamo  iterfacciati anche con altre esperienze, come quella di Milano. Le municipalità non hanno funzionato. Non si è dato atto dello slancio positivo che possono avere le municipalità. Lavoro 14 ore al giorno e con me tanti collaboratori istituzionali e della segreteria. L’amministrazione De Magistris avrebbe potuto fare molto di più per le municipalità, ma era evidente fin dall’inizio l’indirizzo che il sindaco voleva dare alle municipalità nominando un assessore alle assemblee popolari, quale Caterina Pace.
Come V Municipalità però siamo riusciti ugualmente a dare delle risposte. Siamo l’unica municipalità che ha partecipato al bando per l’Home Care Premium, per assistere gli anziani presso il proprio domicilio, 160 mila euro, l’unica municipalità ad aver stipulato insieme all’Asl un partenariato con il CNR. Siamo la municipalità che è riuscita a recuperare soldi dalla regione per realizzare un asilo. Una serie di iniziative di politiche culturali, da quest’anno ci saranno le notti della legalità al Vomero.

Rappresenta Sinistra Ecologia e Libertà. Sel alle amministrative cosa farà?
Sel è un partito piccolo, ma serio e manterrà tutti i suoi impegni. Ero tra quelli, senza nascondermi che aveva alcune perplessità nell’ingresso in Giunta, nonostante questo, però abbiamo sempre assicurato il voto sul bilancio al sindaco. Abbiamo lealmente aiutato il sindaco ed oggi con Ciro Borriello siamo entrati in Giunta sostenendo quest’amministrazione e diamo un giudizio chiaramente positivo, nonostante abbiamo molto da dire. Abbiamo chiesto al sindaco in sostanza oggi cosa vuole fare: è un uomo di sinistra?, vuole costruire con Sel la sinistra del futuro?, vuole costruire con Sel l’antagonismo al Partito Democratico?, se è così perchè non risponde a Pasquino che lo scorso Agosto dichiarò che De Magistris si era impegnato a dare i voti degli arancioni a De Luca, piuttosto che Vozza. Il sindaco deve convocare l’intero quadro della sinistra facendosi carico dei  temi che caratterizzano la sinistra, poi capisco le alleanze, ma non voglio costruire solo un’alleanza, voglio qualcosa di più.

Il Presidente Coppeto invece cosa farà?
Sono in politica da quando avevo 15 anni. La mia prima tessera politica risale al 1972, alla FGCI, dell’allora segretario nazionale D’Alema. Ho lasciato questo partito, quando si è involuto diventando PD e mostrando quindi una tendenza centrista. Detto ciò sono a disposizione dei cittadini e mi piacerebbe tornare alla politica attiva della città in consiglio comunale.

Cosa pensa di Bassolino? Crede che per costruzione del centrosinistra bisogni trattare anche con il PD?
Bassolino è stato un grande sindaco! Le stagioni però si concludono e mi aspetto da Bassolino più che una sua candidatura, un richiamo forte a sentimenti della città e di come migliorarla. Parlare di se e soltanto di se non è una buona cosa. Il PD poi rappresenta una nota dolentissima. Deve far capire alla sinistra da che parte sta e fino a quando sarà l’alleato di Alfano non ci saranno possibilità di comunicazione e punti di contatto. Il PD oggi che cos’è? vuole costruire un partito di sinistra o essere il partito che governa con Alfano. Oltretutto ci sono una serie di provvedimenti quali il Jobs Act che sta realizzando nuovi elementi di precarietà e la Riforma della Scuola che ci vedono totalmente contrari e in disaccordo.

Pasquale De Laurentis
@pasqdelaurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteRitorno al futuro: cosa ha predetto la fantascienza
Articolo successivoIniziativa pubblica “innovare per continuare la sfida del cambiamento”. Venerdì 23 ottobre 2015 Riot Studio, via San Biagio dei Librai 39, Napoli
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO