Sant’Antimo, accordo trovato per i 13 dipendenti della DIEM

0
84
Sant'Antimo DIEM

Allarme rientrato a Sant’Antimo dove, dopo la temporanea occupazione della casa comunale da parte degli addetti alle pulizie, si è trovato una congrua soluzione che ha salvato 13 posti di lavoro.

Nel pomeriggio del 22 Ottobre i dipendenti dell’azienda che si occupa delle pulizie nella casa comunale hanno simbolicamente occupato il Comune. I 13 dipendenti, infatti, chiedevano al Comune di provvedere alla spiacevole situazione in cui si sono ritrovati. Assunti, infatti, dalla DIEM srl, azienda che aveva vinto l’appalto per la gestione del servizio pulizie, i dipendenti si sono all’improvviso ritrovati in un limbo, praticamente licenziati, dopo che l’azienda ha deciso di rinunciare all’incarico con il conseguente taglio dei dipendenti.

L’amministrazione ha quindi concesso in deroga, in attesa della regolare gara d’appalto, la gestione del servizio a “Società La Spendor SNC”, creando un considerevole problema di gestione del personale. In un primo momento, infatti, la nuova impresa non aveva intenzione di accettare il passaggio dei 13 dipendenti della DIEM, creando scompiglio trai lavoratori. Dopo una breve discussioni con l’amministrazione ed alcune forze di opposizione, l’assemblea si è data appuntamento al giorno successivo.

Il giorno dopo, in presenza dell’assessore al ramo Petito e dell’assessore Moscati, dei consiglieri del Domenico Russo (PD) e Massimiliano Angelino (Vivi Sant’Antimo), oltre che della UIL Trasporti Napoli rappresentati da Alfonso Saraco e dal rappresentante legale della nuova azienda, si è raggiunto un accordo per il passaggio di tutti i dipendenti alla Società La Splendor SNC, salvando 13 lavoratori da un tragico licenziamento improvviso. L’emergenza è così velocemente rientrata, con i dipendenti della nuova società che sono tornati immediatamente al lavoro.

Tale accordo è stato raggiunto grazie alla sensibilità della subentrante società, La Splendor, e alla mediazione dell’amministrazione comunale” ha spiegato l’assessore Petito, che ha continuato: “Insieme all’assessore Moscati, abbiamo agevolato il raggiungere dell’accordo che prevede che la UIL Trasporti di Napoli debba inoltrare regolare comunicazione alla ex DPL di Napoli dell’intervenuta volontà di modificare quanto siglato nel precedente incontro del 16 ottobre e di accettare – conclude l’assessore – il passaggio di cantiere di tutti il personale con le modalità e termini della Splendor SNC“.

Quando ho saputo che 13 santantimesi potevano perdere il loro posto di lavoro sono immediatamente intervenuto al loro sostegno” ha raccontato il consigliere Domenico Russo, che ha continuato spiegando che “noi consiglieri abbiamo il dovere di ascoltare e tutelare i cittadini e gli onesti lavoratori“. Come racconta Russo, il passaggio di cantiere tra le due imprese è avvenuto tramite trattativa privata tra l’amministrazione e l’azienda, stipulando un contratto di 3 mesi in attesa della gara d’appalto che decreterà la nuova azienda che gestirà il servizio. “Quello che più mi preoccupa – denuncia Russo – è che nell’accordo son state sostanzialmente  ridotte le ore dedicate alla pulizia dei locali comunali, compreso l’asilo nido. Vigilerò personalmente sulla qualità del servizio offerto dalla ditta, e interverrò in modo forte nel caso la qualità del servizio non sia pari a quella precedente“.

Francesco Di Matteo

NESSUN COMMENTO