Napoli polisportiva: non si vive di solo calcio

1
115
vivi basket

Sono ormai troppi anni che le vicissitudini cittadine di Napoli causano spesso denigrazione da parte di tutta la nazione verso la città, tuttavia per combattere questa visione delle cose è possibile mostrare uno dei tanti lati positivi tramite lo sport, in tutte le sue discipline.

IL CALCIO – Nella città vi è una passione speciale verso il calcio che emerge soprattutto tramite varie piccole società, fucine di molti talenti, che attraverso diverse affiliazioni con le società di Serie A, esportano giovani calciatori rasentando ed a volte raggiungendo il grande palcoscenico della massima serie.

NON SOLO IL CALCIO A Napoli non c’è solo il calcio, si prova ad eccellere anche in altre discipline, raccogliendo le ceneri di ciò che c’era prima, come già fa la Vivi Basket nella pallacanestro, che allenando giovani talentuosi e promettenti sono iscritti al campionato di Serie C campano affinché si ricrei un movimento positivo verso tale sport.

LA PALLANUOTO  In certi sport, invece, viene affermata addirittura un’egemonia nazionale. Un esempio che calza a pennello sono la Roberto Zeno Posillipo e la Carpisa Yamamay Acquachiara, che da anni danno vita ad emozionanti derby per la conquista del titolo di Campioni d’Italia, rendendo la pallanuoto fiore all’occhiello dello sport partenopeo.

SEMPRE IN PISCINA – Anche il nuoto occupa un posto importante nell’ateneo sportivo di Napoli grazie alla molteplicità di strutture adibite per l’uso. Tra le più blasonate troviamo: il Circolo Canottieri Napoli, la Piscina Scandone, la piscina Acquachiara. Anche il suddetto sport è motivo d’orgoglio, basti pensare ai tanti nuotatori medagliati di origine napoletana, tra cui è facile ricordare, sia per meriti sportivi che per partecipazioni televisive, Massimiliano Rosolino.

ALTRI SPORT  Lasciando l’acqua ci spostiamo sulla terra battuta del Circolo Canottieri Napoli, ove troviamo un’importante realtà tennistica. Ma oltre questi sport celebri e famosi a livello nazionale ed internazionale, Napoli fomenta importanza anche riguardo il culto degli sport d’importazione, come il football americano, grazie ai Briganti Napoli, piccola compagine Illo tempore, ma ormai presenti da 10 anni nel panorama nazionale, che sono balzati agli onori della cronaca degli sport cosiddetti “minori” essendo anche l’unica squadra del sud Italia che ha partecipato all’IFL (Italian Football League).

Fonte immagine in evidenza: google.it

Eugenio Fiorentino

CONDIVIDI
Articolo precedenteHiguain: storia di una rinascita
Articolo successivoPolonia: l’ultra-destra trionfa, Putin ringrazia
Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto. Ho frequentato le scuole presso l'istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all'istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt'ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale. Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico. Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l'ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.

1 COMMENTO

Comments are closed.