Sit in in piazza Plebiscito: ”Chiediamo diritti per le famiglie arcobaleno”

0
46

Nei giorni scorsi, Il prefetto di Napoli, Gerarda Maria Pantalone, ha scritto al sindaco Luigi de Magistris con la richiesta di annullare la trascrizione dell’atto di nascita di Ruben Conte Loi.
Questo provvedimento, è il primo effetto della sentenza del Consiglio di Stato che blocca le trascrizioni dei matrimoni gay celebrati all’estero.
«Il bambino deve essere tutelato e ha diritto a essere cittadino italiano, ma solo con il cognome della madre biologica» – sentenziava il Prefetto.

“Non c’è  nessuno scontro tra il sindaco di Napoli e il prefetto. Ognuno in piena autonomia fa gli atti che ritiene di fare”. E’ quanto ha detto il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris. “Ci siamo sentiti in queste ore con il Prefetto – prosegue De Magistris, riferendosi all’iniziativa dello stesso Prefetto che ha chiesto al sindaco di annullare l’atto di trascrizione – come Comune di Napoli, gli uffici e l’intera amministrazione, riteniamo di non dare seguito alla richiesta del Prefetto perché riteniamo di avere fatto un atto in linea con la Costituzione italiana, con gli orientamenti giurisprudenziali e legislativi europei più avanzati”. “Abbiamo cercato di dare diritti a chi non ha diritti nel nostro Paese – ha detto ancora il sindaco di Napoli – per lacune legislative che si reiterano nel corso degli anni. Su questi temi sarebbe corretto anche da parte di chi ricopre incarichi importanti non mettersi a fare politica, cercare un consenso politico. É un tema che attiene alle persone e, in questo caso, a un bambino”.

Intanto esponenti delle associazioni, amministratori, cittadini e politici sono scesi ieri in piazza per chiedere al Prefetto di fare un passo indietro: ”Siamo venuti da Benevento, Caserta, Napoli e Salerno – dichiara il Presidente di Arcigay Napoli, Antonello Sannino – per chiedere di essere ricevuti dal Prefetto, il quale tuttavia non ha voluto riceverci. Questo – prosegue Sannino – è un grave atto poichè siamo un movimento pacifico che lotta quotidianamente contro la violenza e le discriminazioni. Chiediamo che vengano tutelati i diritti di Marta, Daniela e di tutte le mamme e i padri delle famiglie arcobaleno.  Ci auguriamo che il sindaco di Napoli e tutti gli altri sindaci facciano disobbedienza civile continuando a non seguire la violenza e l’arroganza dei Prefetti e del Ministero dell’Interno, i quali non vogliono veder riconosciuti l’amore e l’affetto tra persone”.

Poi l’attacco: ”Siamo l’unico paese d’Europa che non ha ancora nessuna legge che tuteli e difenda la comunità LGBT. Credo che la strada sia ancora lunga, la Corte dei Diritti dell’Uomo ci condanna in maniera definitiva. Non possiamo più stare dalla parte di Putin e dell’Isis, dobbiamo scegliere di stare dalla parte dell’Inghilterra e degli Stati Uniti”.

Pasquale De Laurentis
@pasqdelaurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteIdrogeno, novità per la sicurezza
Articolo successivoEduardo De Filippo, passerà ‘a nuttata?
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO