Quartograd: rinascita nel sociale e nello sport

0
112
Quartograd
Quartograd

quartograd

Nel napoletano, ormai, il discorso-calcio è circoscritto alla S.S.C. Napoli, mettendo spesso in secondo piano altre realtà che non solo provano a  crearsi spazi importanti, ma soprattutto cercano affermazione nell’ambito sportivo e sociale. Un esempio che calza a pennello è quello della Quartograd, squadra dilettantistica che tramite un’autogestione popolare opera e prova ad affermarsi nel panorama calcistico, ovviamente dovendo rispettare l’iter sportivo, partendo dalle serie inferiori per poi salire la china, dovendo affrontare varie difficoltà che però non ostacolano gli obiettivi prefissati dalla società.

Gli inizi

Inizialmente la Quartograd, chiamata volutamente così a richiamo della cultura sovietica per sottolineare bene che si tratta di un movimento popolare,  si è fatta conoscere nei tornei dilettantistici e comunali, come quello tenuto presso i campi di via Learco Guerra, le cui partecipazioni hanno riportato risultati positivi che sono andati costantemente in crescendo.

Le difficoltà

Essendo una società con amministrazione polare e basandosi su un’autogestione, incorrono in problemi burocratici con il Comune che a volte non concede il campo o fa staccare l’elettricità. Anche l’iscrizione al campionato, quello regionale di Promozione è effettuato tramite donazioni popolari o grazie agli stessi calciatori, che di propria tasca contribuiscono per raggiungere la quota d’iscrizione. Ma tutte queste difficoltà non spengono il progetto che ha obiettivi ben precisi.

Gli obiettivi

Gli obiettivi sono svariati, perché oltre a quello dell’affermazione sportiva, ci sono quelli di fornire uno spazio di aggregazione per i giovani, ma oltre a quello sociale c’è anche l’obiettivo idealistico di fondo, il richiamo al “calcio di un tempo”; difatti il loro slogan è: “Il Calcio che Vogliamo ce lo Riprendiamo.” Ma prevale l’obiettivo di: “Portare avanti una certa idea di calcio lontana dagli interessi economici dominanti, difatti l’Associazione non ha alcun scopo di lucro, ma solo quello di voler far aggregare quanta più gente possibile attorno un mondo pulito e fare sport”.

Il Campionato

Il campionato in cui la squadra milita, come già detto, è quello di Promozione, nel quale la Quartograd è prima, per ora con 3 punti di vantaggio sulla seconda, sognando un giorno l’approdo in Lega Nazionale Dilettanti, per poi continuare la scalata verso palcoscenici più celebri.

Per saperne di più: www.quartograd.it

Eugenio Fiorentino

CONDIVIDI
Articolo precedenteSotto copertura: la nuova miniserie tv
Articolo successivoSpianata delle moschee, l’Unesco bacchetta Israele
Eugenio Fiorentino, nato il 3/2/1992 a Napoli, dove ho sempre vissuto. Ho frequentato le scuole presso l'istituto Suore Bethlemite ed ho poi conseguito la licenza liceale presso il X Liceo Scientifico Statale, Elio Vittorini. Sempre promosso a pieni voti. Nel 2010 mi sono iscritto all'istituto Suor Orsola Benincasa, alla facoltà Scienze delle Comunicazioni, conseguendo i primi esami fino al settembre 2011, data in cui a causa di un gravissimo incidente subito ho interrotto gli studi. Dopo un lungo periodo riabilitativo, che tutt'ora sto sostenendo, ho ripreso gli studi nel 2014, conseguendo anche il passaggio al primo esame: Informazione e cultura digitale. Ho praticato molti sport, tra i quali nuoto e calcio a livello agonistico. Ho anche grandi passioni riguardo Musica, Calcio e Motociclismo, ma ultimamente ho avuto modo di apprezzare, anche per vicende personali, tutto l'ambito della riabilitazione neuro-motoria, che è un campo in grande crescita ed espansione.

NESSUN COMMENTO