Intervista con Armida Filippelli: ”Il liceo classico va ripensato”

0
266

La cultura classica, la crisi dei licei classici e la Riforma della scuola sono tra gli argomenti affrontati nell’intervista esclusiva rilasciata a Libero Pensiero News dalla Prof.essa  Armida Filippelli, Dirigente Scolastica dello storico Liceo classico G.Garibaldi e dell’Istituto F.Galiani.
Di seguito l’intervista:

Buongiorno, Preside, il liceo Garibaldi, dopo tanto tempo ha ottenuto i lavori che sono anche in fase di completamento. Quali notizie a riguardo ci può fornire?
Il liceo Garibaldi era un edificio che stava cadendo a pezzi perchè c’erano infiltrazioni dal tetto che, lo scorso anno mi hanno costretto anche a chiudere un piano. Il 1 Maggio di due anni fa è caduto anche il cornicione dell’ingresso esterno della scuola. Nei mesi scorsi, per fortuna abbiamo avuto questo finanziamento che ci ha consentito di avviare i lavori che stanno procedendo molto spediti, anche grazie al prezioso lavoro dell’impresa che abbiamo selezionato. Daremo presto nuova dignità alla scuola restaurato, tra le altre cose, anche lo scalone d’entrata che abbelliremo con scritte in latino.

Quali progetti e iniziative state portando avanti?
Ques’estate gli studenti sono stati a Malta a fare uno stage nei musei, negli uffici turistici e negli scavi archeologici approfondendo quindi anche lo studio della lingua l’inglese. Anche quest’anno, come lo scorso anno faremo il Certamen, poichè riteniamo di avere studenti bravissimi, i quali vanno coltivati ed incentivati. Tra pochi giorni alcuni ragazzi partiranno per Monaco grazie ad un gemellaggio che sarà sicuramente prezioso per la lingua. Non mancheranno le attività sportive: il rugby e la vela. Speriamo che ci approvino un progetto di alternanza scuola – lavoro, nel quale gli studenti andranno a fare esperienze nei musei e nelle redazioni dei giornali; insomma ovunque loro possano capire e rafforzare il loro orientamento. Proseguiremo molto forte anche il nostro rapporto con l’università, mediante conferenze. Metteremo inoltre, anche a disposizione degli studenti uno sportello di ascolto per tutti i loro eventuali dubbi o problematiche. Proseguiamo nel solco di tutti i progetti portati avanti negli anni, anche con l’associazione ex garibaldini. Recentemente abbiamo ospitato Serena Vitale, vincitrice del premio Napoli. Metteremo in campo tantissimi incontri per la memoria della shoah, mentre il 25 novembre con l’associazione Onda Rosa celebreremo la giornata contro la violenza delle donne.

Sulla crisi dei licei classici?
Il sistema del liceo classico va assolutamente ripensato. Tutte le scuole, anche quelle che, negli anni hanno dato risultati enormi, oggi vanno riviste nel loro impianto. Nel liceo classico oggi bisogna arricchire l’offerta facendo in modo che venga rafforzato sia lo studio delle discipline scientifiche che le lingue, oltre naturalmente ad una cultura del lavoro, la quale non ha tuttavia nientein comune con il modello aziendalista.
Il liceo classico rispetto all’università che è settoriale ti da il metodo di studio che ti consente poi di fare qualsiasi cosa.

La nuova Riforma della scuola entrata a pieno regime quest’anno, cosa a cambiato realmente?
Il potenziamento dell’organico è il portato più innovatore della Buona Scuola, ma attualmente ancora non vediamo l’organico funzionale che ci consente poi realmente di dare l’offerta forte ai ragazzi. Le altre novità sono il comitato di valutazione che cambia, il rapporto con l’utenza  più stretto che, a dire il vero ho sempre perseguito. Sul nuovo ruolo del preside ritengo si sia molto banalizzato. Questa Riforma non fa altro che chiarire meglio qual è il nostro ruolo, ovvero un ruolo da educatore con molte più responsabilità. Questa deriva autoritaria del preside, sinceramente, pur sforzandomi, proprio non la vedo. Oggi c’è bisogno di serenità, maggiore cultura per combattere i fondamentalismi e gli integralismi immaginando quindi un futuro dove tutti siano rispettati con tutte le  differenze e peculiarità. Non abbiamo più bisogno di contrapposizioni e macerie. Dobbiamo capire quali sono le sfide dei tempi e cercare di vincerle.

Pasquale De Laurentis
@pasqdelaurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteDon Ciotti a Salerno “Legalità per la giustizia”
Articolo successivoNapoli accusa: “Vostre le guerre, nostri i morti!”
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO