Giugliano – Occupati gli istituti Itis Galvani, Liceo De Carlo e Minzoni

0
198

Le scuole di Giugliano, Itis Galvani, Liceo De Carlo e Minzoni, da lunedì 16 novembre sono entrate ufficialmente in agitazione per protestare contro la Riforma della scuola del Governo Renzi. Tra i punti maggiormente contestati dagli studenti, il Decreto 107 e il nuovo ruolo attribuito ai Presidi. Al Liceo Agostino Maria De Carlo, i rappresentanti d’istituto pur non essendo tutti concordi all’occupazione della scuola hanno comunque deciso di cooperare tra loro ascoltando la maggioranza della platea studentesca.

«Il nostro è un gesto per dare un segnale chiaro al paese. Ci opponiamo al decreto sulla Buona Scuola – dice Crescenzo Pezzella, rappresentante del De Carlo. Chiediamo maggiore disponibilità all’uso dei laboratori – continua – che, al momento non è possibile perchè al suo interno ci sono classi che svolgono le lezioni. Tra le altre richieste avanzate dagli studenti, i distributori dell’acqua e più igiene all’interno dell’istituto».

de carloPerplessi e dubbiosi gli altri rappresentanti che giudicano l’occupazione come una consuetudine e moda diffusa ormai di anno, in anno.
Gli uffici di segreteria ed alcune classi (poche) proseguono, tuttavia le regolari attività didattiche.
Anche i rappresentanti dell’Itis Galvani, altra scuola in stato di occupazione da lunedì mattina supportano e condividono le motivazioni che hanno spinto gli studenti del Liceo De Carlo ad occupare l’istituto.

Al Minzoni gli studenti intendono coinvolgere anche i docenti nella protesta contro la Buona Scuola. I rappresentanti intervengono: «Questa non è la classica occupazione di fine novembre e inizio dicembre, poichè stiamo già mettendo in campo una serie di attività, tra le quali cineforum, dibattiti e mostre fotografiche per esempio. Venerdì scorso abbiamo anche partecipato alla manifestazione studentesca. Siamo scesi quindi in piazza per esprimere il nostro dissenso anche all’esterno dell’istituto. La polizia, però ci ha impedito di giungere fuori la sede di Confindustria e ci ha caricati non solo frontalmente, ma anche lateralmente, come se fossimo dei criminali».

Pasquale De Laurentis
@pasqdelaurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteTerrore a Parigi: un attacco all’Europa Unita?
Articolo successivoSinistra Italiana-M5S, Fassina ammicca ma l’intesa è temporanea
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO