Ribaltone Rockets: licenziato McHale!

0
83
Houston Rockets Kevin McHale
Houston Rockets Kevin McHale

Notizia di pochissimi minuti fa e, per certi versi, inaspettata: Kevin McHale non è più il capo allenatore degli Houston Rockets.

La decisione, a quanto pare, è dovuta al pessimo inizio di stagione della squadra texana che, in questo momento, viaggia con un record di 4 vittorie e 7 sconfitte. Decisivo il quarto ko consecutivo contro i Boston Celtics, proprio la squadra per cui McHale ha giocato per tutta la sua carriera, formando insieme a Bird e Parish il secondo trio più vincente della storia NBA con 540 vittorie (solo Duncan, Ginobili e Parker hanno fatto meglio). Panchina temporaneamente affidata a JB Bickerstaff, fino ad oggi primo assistente di McHale, nominato coach ad interim.
Arrivato nel 2011 a sostituire Rick Adelman, McHale era riuscito la scorsa stagione a riportare la franchigia alle Finali di Conference, un appuntamento che a Houston mancava dal 1997, quando solo i Jazz di Stockton e Malone negarono ai Rockets di Olajuwon (feat. Barkley e Drexler) la terza finale in quattro anni e la possibilità di sfidare i Bulls di Jordan.

Un’annata, quella passata, in cui Harden e compagni avevano disputato una splendida regular season con il terzo miglior record dell’intera Lega (56-26) e il secondo posto ad ovest alle spalle di Golden State. E proprio gli stessi Warriors hanno, poi, messo fine al loro cammino in una serie mai stata realmente in bilico.

Quest’anno, però, tante difficoltà, tra gli infortuni di Beverley (tornato e poi reinfortunatosi), Motejunas, Jones e una squadra che non ha mai realmente respirato assieme. Le statistiche di questo inizio di stagione, soprattutto a livello difensivo, sono impietose: seconda peggiore difesa con 108.5 punti concessi in media agli avversari rispetto ai 91.6 dello scorso anno; quartultimi con un Net Rating di -8, dovuti ai 106.5 punti di media concessi ogni 100 possessi. Anche offensivamente le cose non vanno meglio, con un sistema che non funziona e un Harden che tira con il 26,2% da tre.

AND NOW? McHale lascia Houston con la miglior percentuale di vittoria di sempre (59,8%) e, comunque, con una buona reputazione di sé e del suo operato. Ma, dopo l’ultimo ko al Toyota Center, la dirigenza si è resa conto che forse non aveva più il controllo dello spogliato e, quindi, ha deciso per il cambio per non perdere ancora terreno dalle prime. Per ora, come detto, la panchina è affidata a JB Bickerstaff (stanotte il suo esordio vs Portland), ma non è detto che in futuro possa essere affidata a qualcuno con maggiore esperienza; probabilmente, nel discorso, i 12 milioni che McHale dovrà ancora percepire in questa stagione pesano sul groppone della proprietà, ma difficile escludere qualcosa in questo momento. Che sia stato un errore esonerarlo? Vedremo.

Michele Di Mauro

NESSUN COMMENTO