Vomero, aggredita e molestata una studentessa

0
115
Vomero, studentessa aggredita e molestata
Vomero, studentessa aggredita e molestata

alaska«Mi hanno puntato una lama al collo intimandomi di fare silenzio, altrimenti sarebbe finita male».

A prendere parola, dopo il grande spavento, è Asia, la studentessa 17enne vittima nella giornata di ieri dell’aggressione, secondo il racconto della stessa, ad opera di persone appartenenti a gruppi di estrema destra, di stampo neofascista. «Sono stata spintonata e molestata al punto tale che non sono riuscita più a resistere ed ho urlato attirando l’attenzione di un signore che per fortuna è intervenuto costringendo alla fuga i quattro uomini».

Secondo la ricostruzione della studentessa, non era la prima volta che notava l’aggressore da quelle parti, che pochi giorni fa era stato da lei visto proprio in via Caldieri, quartiere del Vomero, «indossando una t-shirt di Casapound, in compagnia di altre persone che indossavano t-shirt di Blocco Studentesco.»

Il gesto sarebbe dunque, stando al racconto, da interpretare come una forma di rivalsa nei confronti degli studenti del Liceo Pansini, i quali pochi giorni fa avevano ripulito Piazza Quattro Giornate staccando uno striscione inneggiante l’odio e il razzismo.

I collettivi studenteschi, intanto, si sono riuniti questo pomeriggio in una conferenza stampa a Piazza Quattro Giornate, per denunciare pubblicamente l’accaduto e rilanciare le prossime date: domani, 19 novembre, alle 14 nuova Assemblea Pubblica, in Piazza Quattro Giornate; Venerdì mattina, 20 novembre, corteo studentesco per le strade del Vomero.

Presenti questo pomeriggio anche le rappresentanze istituzionali con l’Assessore comunale al Bilancio, Sandro Fucito, il presidente della 5a Municipalità, Mario Coppeto e il Coordinatore circolo SEL Vomero/Arenella “F. De Martino”, Vincenzo Di Costanzo: «Il circolo di Sinistra Ecologia Libertà della Municipalità 5 di Napoli “F. De Martino” – dichiara Di Costanzo –  esprime piena e totale solidarietà alla giovane studentessa aggredita. Il nostro territorio e l’intera città di Napoli ripudiano chi ancora oggi porta avanti idee di odio verso i più deboli, di negazione di libertà e di culto della violenza. Atti come quello di ieri non fermeranno mai i processi di trasformazione e di miglioramento della realtà che quotidianamente le forze sane della nostra città provano a mettere in campo».

Intanto, Casapound Italia Napoli, in una nota, smentisce ogni presunto coinvolgimento con l’accaduto, attaccando il sindaco De Magistris e il Prefetto di Napoli additati di incapacità nella gestione dell’ordine pubblico: Non è nostra prassi o abitudine consumare aggressioni, diurne o notturne che siano – afferma CasaPound Italia in una nota – e tanto meno ci interessa seguire le orme di chi, alla ricerca disperata di una visibilità che non ha, rivolge accuse false ed infamanti contro i propri avversari politici”. “Adiremo pertanto le vie legali contro chiunque abbia infamato e calunniato il nostro movimento, menzionando addirittura una molestia sessuale, e sporgeremo denuncia contro chi ha inventato la nostra partecipazione ad un simile episodio.”

Pasquale De Laurentis
@pasqdelaurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteLegge “Salva-Gori”, continuano le proteste
Articolo successivoUniversità risposta alla questione meridionale e ponte per il Mediterraneo
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO