Campania – Riaperta la procedura ISEE. L’Udu Napoli: ”Piccola grande vittoria”

0
249

Il nuovo sistema di calcolo dell’ISEE 2015/2016 che, nelle scorse settimane aveva provocato numerose proteste sarà ricalcolato.

In sostanza la Regione Campania ha posto fine alla querelle con gli studenti ammettendo di aver commesso alcuni errori.
Da oggi, fino al 30/11 sarà quindi riaperta per tutti la procedura online per la rettifica dell’ISEE, in modo da sanare eventuali errori formali o materiali.
Non è finita qui!,  coloro i quali hanno già rettificato la propria domanda di borsa studio entro il termine fissato dal bando della propria Adisu non dovrà fare nient’ altro.

«In seguito alla discussione portata avanti in Regione Campania sulla vertenza relativa alle borse di studio ed al metodo di calcolo del nuovo ISEE per l’A.A 2015/2016, l’Udu Napoli – dichiara Antonio Cipolletta, Cordinatore Udu Napoli – è riuscita ad ottenere una piccola grande vittoria. In termini pratici e senza sfociare nei tecnicismi, siamo riusciti a richiedere all’Ufficio preposto al DSU di reinserire gli 800 studenti scartati di Federico II, Parthenope e Orientale dalla graduatoria a causa di gravi errori commessi dai CAAF d’appartenenza nella compilazione dell’ISEE/ISEEU, confondendo il primo con il secondo. Inoltre, ci è stato confermato durante il colloquio-e lo sarà ulteriormente definito oggi tramite comunicazione ufficiale sul sito web dell’ADISU ORIENTALE ora unica per tutti gli studenti napoletani, che è stato prorogato il termine di scadenza per la rettifica della propria richiesta di borsa di studio, ovvero il 30 novembre. Infine, siamo molto fiduciosi affinché questi ragazzi possano effettivamente godere delle borse di studio, dopo aver condotto avanti una battaglia legittima ed anche abbastanza lunga.»

Dopo anni di immobilismo in Regione Campania sul tema del Diritto allo Studio, finalmente, la rotta sembra decisamente invertita.
Dopo il ”saldo” delle Borse di Studio degli anni precedenti, 2011/2012, 2012/2013 e l’impegno di saldare il 2013/2014, ora si attende il piano finanziario triennale di investimenti sul Diritto allo Studio promesso dal Presidente De Luca.

Pasquale De Laurentis
@pasqdelaurentis

CONDIVIDI
Articolo precedenteXylella, ulivi e complotti
Articolo successivo”Festa dell’albero 2015” – Orto Botanico di Napoli
Nasce a Napoli. Consegue il diploma al Liceo Classico Giuseppe Garibaldi di Napoli. E’ qui eletto rappresentante d’istituto dal 2004/2005 al 2008/2009. È cofondatore del giornale scolastico “L’Idea”. Nel settembre 2008, insieme ad altri componenti del Comitato Studentesco, è ospite in uno speciale del Tg di Italia Mia dedicato alla scuola, al quale partecipano gli assessori all’istruzione Gabriele, Cortese e Rispoli. Nel 2005 inoltre, diviene il responsabile provinciale di Napoli dell'Unione degli Studenti, dove è protagonista di numerose battaglie contro l’allora Ministro dell’Istruzione Letizia Moratti. Nel 2008 partecipa attivamente al movimento studentesco dell'Onda, mentre nel 2009 si iscrive al corso di laurea in Scienze Politiche presso l'Università degli studi di Napoli l’Orientale. Da sempre grande appassionato del mondo radiofonico, nel Febbraio del 2012, è cofondatore con Lorenzo Russo di Radio TIN, evolutosi in seguito nel blog Tin Napoli. Nel Giugno del 2013 collabora con la web radio locale RadioSca, dove conduce quattro appuntamenti di Generazione X, il programma da lui ideato, insieme a Lorenzo Russo. Il 12, 13, 14 e 15 Giugno 2014, prende parte al corso di conduzione radiofonica, presso Radio Crc Targato Italia, con insegnanti Max Poli e Rosaria Renna. Da Aprile 2014 inizia a collaborare con il periodico online Libero Pensiero News, dove dal Settembre dello stesso anno assume l'incarico di coordinatore della sezione locale di Napoli e Provincia. Da Aprile 2015 intraprende la collaborazione con Radio Amore Napoli come inviato. Nel Novembre 2015 è cordinatore del ciclo di seminari ''GIORNALISMO E NUOVA COMUNICAZIONE'' organizzato dalla Testata Giornalistica ''Libero Pensiero News'', insieme all'Unione degli Universitari presso il Dipartimento di Scienze Sociali dell'Università degli studi di Napoli Federico II

NESSUN COMMENTO