Anche gli studenti di Frattamaggiore urlano “C’at accis a salut”

0
30

Continua il mese di mobilitazione lanciato dal movimento “C’at accis a salut!”, partito lo scorso 6 novembre da Casalnuovo.

Migliaia di studenti hanno urlato il proprio no alla camorra e il proprio no al bavaglio Renzi-De Luca. Gli studenti hanno chiesto soluzioni reali e non bugie mediatiche come i 450milioni di euro che serviranno solo ed esclusivamente per le ecoballe di Taverna Del Re. Gli studenti hanno pulito le strade dal silenzio spaventoso della provincia di Napoli. Il portavoce del movimento, Gabriele Aiello, al termine della manifestazione dichiara:«Questa è stata la terza giornata di lotta, dopo Casalnuovo e Acerra anche gli studenti di Frattamaggiore hanno tolto il bavaglio. Oltre ai roghi continui e gli sversamenti illegali gli studenti del liceo Miranda hanno un traliccio in casa, chiediamo l’eliminazione di questo, come già chiesto una settimana fa. Siamo pronti a sabotarlo»

NESSUN COMMENTO